CATANIA: serve altro per rompere l’incantesimo di Messina

0
125
Giocatori del Catania festanti a Messina.

Sembra una vera e propria maledizione per il Catania. La ritrovata vittoria in trasferta nel sentito derby di Messina avrebbe potuto rappresentare il trampolino di lancio perfetto per continuare la risalita in classifica. Entusiasmo a mille, gioia orgasmica per i giocatori nello spogliatoio del “Franco Scoglio” (come da foto, ndr) e tifosi fiduciosi per il futuro.

Catania-Melfi era il classico appuntamento in cui si dava quasi per scontata una rotonda vittoria rossoazzurra contro un avversario ultimo classificato e pieno zeppo di limiti tecnici. A sorpresa, però, al “Massimino” sono stati i lucani a fare bottino pieno dando, in primis, una lezione d’umiltà al Catania. Un 2-0 secco e meritato che ha lasciato tutti a bocca aperta. Incluso mister Mario Petrone che ha, successivamente, rassegnato le dimissioni.

Il Catania lo ha rimpiazzato con Giovanni Pulvirenti, promosso in Prima Squadra, ma sia a Lecce che sul campo della Paganese l’Elefante ha proseguito il trend negativo tornando in Sicilia a mani vuote. Dopo Messina, il Catania ha conosciuto solo guai. La tappa messinese ha prodotto un incantesimo abbattutosi sulla formazione rossoazzurra. Il lavoro svolto a Torre del Grifo e la manifestata volontà di superare la delicatezza del momento non bastano, evidentemente, per risollevare un Catania che rischia di entrare in un tunnel senza via d’uscita.

© RIPRODUZIONE DEL TESTO, TOTALE O PARZIALE, CONSENTITA ESCLUSIVAMENTE CITANDO LA FONTE – Qualunque violazione del diritto di copyright sarà perseguita a norma di legge.