TRAPANI – CATANIA: continua un gemellaggio storico, fondato su rispetto ed amicizia. Cori contro Lecce e Palermo…

0
1015

Delusione legittima e comprensibile per i poco meno di 700 tifosi del Catania presenti allo stadio “Provinciale”. C’era tanta attesa per questa gara che avrebbe potuto sancire il sorpasso del Lecce capolista in classifica. Invece i rossoazzurri, pur mantenendo i tre punti di distacco dai salentini, sono stati scavalcati dal Trapani scivolando al terzo posto. Sugli spalti, però, è stato “derby dell’amicizia”.

Più di 400 supporter di fede rossoazzurra presenti nel Settore Ospiti. Gli altri, prevalentemente ultras della Curva Sud e Nord del “Massimino”, hanno fatto accesso in uno spicchio della Tribuna. Tutti a sostenere la squadra di Lucarelli, amareggiati per la sconfitta ma fieri ed orgogliosi di essere made in Catania. “Catanese amico leale” lo striscione con cui gli ultras granata hanno accolto i sostenitori etnei.

Prima del fischio d’inizio, componenti di entrambe le tifoserie si sono incontrati scambiando chiacchiere e sorrisi per sottolineare lo storico legame. Durante la gara, “Rispettiamo il Calcio Catania” e “Onoriamo chi ci rispetta” sono stati i cori più frequentemente scanditi. Oltre agli immancabili sfottò all’indirizzo dei tifosi di Lecce e Palermo, gemellati tra loro e, sportivamente, rivali comuni di Catania e Trapani. Atmosfera davvero molto positiva nell’impianto sportivo trapanese.

Al triplice fischio dell’arbitro, festa per i tifosi di casa che hanno comprensibilmente gioito per un risultato che conferma l’eccellente stato di forma attraversato. Ai tifosi del Catania resta l’amarezza per il ko ma anche la riconoscenza nei confronti di una tifoseria amica e sempre molto vicina ed accogliente verso i colori rossoazzurri. Fieri ed orgogliosi di portare avanti un gemellaggio storico e sincero.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***