CATANIA: il “De Simone” apprezza lo spettacolo. Gioia per i tifosi rossoazzurri siracusani. Lodi, Marchese e Biagianti i più applauditi

0
724
Akragas - Catania
Akragas - Catania, stadio "Nicola De Simone" di Siracusa con pochi tifosi presenti.

Partecipazione di pubblico assai modesta allo stadio “Nicola De Simone” di Siracusa, teatro della partita Akragas-Catania. Nonostante l’assenza di tifosi catanesi determinata dalla decisione del Prefetto di non consentire l’accesso agli stessi per esigenze d’ordine pubblico, al triplice fischio dell’arbitro ha gioito chi, nato nella provincia di Siracusa, ha sostenuto il Catania. Qualcuno ha anche esibito con fierezza sciarpe e vessilli rossoazzurri in un impianto sportivo dove, come sappiamo, si respira tradizionalmente un clima di accesa rivalità sportiva nei confronti del Catania. In questa occasione, invece, lo stadio si è presentato semi-deserto ma sentivamo forte e chiaro le voci e le urla dei pochi presenti.

Da un lato qualche sostenitore agrigentino, dall’altro familiari dei giocatori, semplici curiosi, oppure chi simpatizzava o tifava per il Catania a prescindere dal luogo di nascita. Circa 200 i presenti, vuoto totale nelle gradinate. Il momento curioso è avvenuto qualche istante prima del gol del vantaggio rossoazzurro di Francesco Lodi. Proprio sotto la nostra postazione, ad un certo punto, un signore prende di mira il centrocampista napoletano esclamando “Ciccio, vattene in pensione!”. Dopo qualche mugugno, il destino ha voluto che proprio Lodi avesse il merito di sbloccare il risultato. Così un nutrito gruppo non ha esitato a gridare “Ciccio, Ciccio, Ciccio!”, tributando applausi convinti ad uno dei giocatori-bandiera del Catania.

Nei minuti successivi lo stesso Lodi ha evidenziato numeri d’alta scuola, giocate sopraffine, scatti e corsa. Quasi come a volere rispondere a chi si è permesso di criticare un calciatore che rappresenta un autentico lusso per la categoria. Spesso acclamati, nell’arco dei 90′, anche capitan Marco Biagianti e Giovanni Marchese. Che hanno scritto pagine di storia molto importanti per il Catania. Al triplice fischio dell’arbitro, il volto sorridente e sereno dei giocatori rossoazzurri, applauditi sportivamente da tutti, rappresenta la fotografia più bella del pomeriggio. Vittoria ottenuta come sei mesi fa, ma allora la formazione di Lucarelli mise ko il Siracusa. Altro avversario, nuovo contesto ambientale stavolta ma la sostanza non cambia. Incassando altri tre punti preziosi per la classifica, con il sogno intatto di raggiungere la vetta. Per i tifosi akragantini, invece, ennesima amarezza in una stagione che di soddisfazioni ne ha regalate ben poche.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

LASCIA UN COMMENTO