CATANIA: il gioco non decolla, ancora tanto da migliorare ma la vittoria vale oro e si riparte dal carattere

1
278

Quanto è dura la scalata della classifica. Il Catania punta con decisione al raggiungimento della vetta ma gli ostacoli sono ancora numerosi da superare e anche contro il Siracusa i rossoazzurri hanno incontrato notevoli difficoltà. Gli aretusei ci tenevano a ben figurare sul palcoscenico del “Massimino” ed hanno assicurato il pieno di motivazioni. Grande aggressività sul portatore di palla, il movimento dei trequartisti Catania e Palermo ha creato più di qualche grattacapo alla squadra di Sottil limitando Lodi, fonte primaria del gioco etneo. Tanti, troppi errori su palla in uscita per la formazione dell’Elefante che, dietro, ha anche faticato a contenere un ottimo Vazquez. A centrocampo, invece, Biagianti inesauribile sia in fase d’impostazione che di contenimento ma i collegamenti con Curiale e Marotta non funzionavano a dovere. L’ex punta del Frosinone, in particolare, troppo lontana dall’area di rigore e chiamata a svolgere compiti prevalentemente di copertura.

E’ stato un Catania sostanzialmente molto equilibrato ma poco propositivo nel primo tempo. E’ andata meglio nella ripresa con Curiale più portato ad offendere, la spinta di Manneh sulla corsia di sinistra e la ricerca più frequente della sovrapposizione. A prevalere nel contesto di un derby spigoloso è stata la voglia di vincere a tutti i costi del Catania che, in qualche modo, nonostante le lacune sul piano del gioco ha messo tutto il cuore possibile. Il pallone andrebbe giocato con maggiore personalità, precisione e rapidità di esecuzione nell’arco dei 90′. Nell’interpretazione delle due fasi è un Catania che piace solamente a sprazzi e la squadra rischia di essere troppo Lodi-dipendente. Si avverte ancora, inoltre, la tendenza ad abbassarsi più del dovuto una volta trovata la via della rete. Urge più attenzione allora, meno equivoci tattici, cali di tensione e frenesia, lo sviluppo di un gioco più armonico e collettivo. C’è ancora molto da lavorare e migliorare, intanto il Catania si accontenta dell’importanza di avere acquisito un risultato che lo avvicina sensibilmente alla vetta della classifica – e non è poco – ripartendo da un ritrovato carattere. Arma preziosa questa che, abbinata alla tecnica dei giocatori di cui Sottil dispone, può fare la differenza come accaduto in questo derby vinto con muscoli e cuore.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

CONDIVIDI
Articolo precedenteSERIE C TV (Video): Catania – Siracusa, highlights partita
Articolo successivoCATANIA – SIRACUSA: vota il migliore rossoazzurro in campo
Livio Giannotta
"Le idee ispirate dal coraggio sono come le pedine negli scacchi. Possono essere mangiate ma anche dare avvio ad un gioco vincente". Parole del grande scrittore tedesco Johann Wolfgang Von Goethe che mi hanno spinto all'ideazione di 'TuttoCalcioCatania.com'. Un progetto che parte da lontano e si pone l'obiettivo di fare informazione responsabilmente e consapevolmente. Direttore della testata giornalistica catanese e "stakanovista editoriale", mi avvalgo del contributo di un gruppo di lavoro brillante e motivato che opera seguendo principi di lealtà e correttezza.

1 COMMENTO

  1. Urge Trovare una Identità di gioco ed una Mentalità di Grande Squadra. Ci sono Elementi schierati fuori Ruolo che non potranno mai Rendere. Lo si è Visto anche nella partita di Ieri sera col Siracusa. Non Capisco perché gli altri Vanno a Mille e noi andiamo a Trenta. Bisogna Urgentemente trovare un Gioco sulle Fasce, Pochissimi Rifornimenti per gli Attaccanti ho quasi Nulla. Con Due Attaccanti come Marotta e Curiale si deve pensare a metterli nelle Condizioni di Segnare. Preoccupa e non Tanto la Difesa, Troppi gol subiti nella stessa Maniera, manca la Concentrazione e la Giusta Attenzione su ogni pallone. I campionati si Vincono con una Solidità Difensiva. Caro Mister Sottil gli Esperimenti sono Finiti. È giusto il Turnover ,ma la squadra deve Avere una Base Solida e non si può cambiare continuamente e creare Confusione. Bisogna lavorare molto sul piano mentale e Caratteriale, non è possibile che la squadra al Massimino con un Pubblico di altre Categorie, Regali il Primo tempo agli avversari e succede quasi spesso. Se si deve Vincere questo Campionato bisogna cambiare Rotta sin da Domenica col Catanzaro. La squadra deve credere nei propri mezzi, Bisogna sin da subito far capire agli Avversari che sarà Dura , e non dargli Coraggio e Stima come succede in tante partite. Ho fiducia che riusciremo ad essere Protagonisti, però occorre cambiare Mentalità e far Crescere quella personalità che si evidenzia in Tantissimi giocatori della Rosa.

LASCIA UN COMMENTO