ESCLUSIVA – Armenio: “Barisic, Ciancio e Vassallo flop. Catania con problemi strutturali perchè pensato per la B. Mancano Mazzarani e Russotto…”

0
2544

Ospite telefonico di ‘Radio Studio Italia’, in collaborazione con TuttoCalcioCatania.com, giovedì pomeriggio l’ex conduttore radiofonico Piero Armenio ha fornito un’attenta disamina sul momento attraversato dal Catania di Andrea Sottil.

Francesco Lodi, quale la posizione migliore in campo?
“Sicuramente meglio dietro le punte. Lodi è una pedina imprescindibile di questa squadra. Con la sua freddezza fa vincere le partite, lo ha dimostrato anche contro la Virtus Francavilla, partita peraltro vinta con merito nonostante una prestazione non eccelsa. Non è nelle sue corde la velocità purtroppo, ma la squadra è stata costruita in modo tale che è difficile fare a meno del fiuto e dell’intuito di Lodi, pregevole anche in qualità di uomo assist”.

Il Catania non riesce ad avere costanza di rendimento, perchè a tuo avviso?
“In tutta questa pazza stagione del Catania i numeri sono molto strani. E’ stata sbagliata completamente la gara di Bisceglie ma nelle ultime sei partite il Catania ha preso un solo gol e per giunta se lo è fatto da solo con il pasticcio in condominio tra Ciancio e Pisseri. Il Catania si sta barcamenando tra difficoltà di ogni sorta ma è riuscito in qualche modo a rimanere a galla, in attesa di tempi migliori perchè continuando così non si può arrivare da nessuna parte. Non dimentichiamo che questa è un’annata sconvolta dal mancato ripescaggio. Tutta la pazza estate ha sfavorito squadre come il Catania e favorito formazioni come la Juve Stabia, che si sapeva potesse fare un buon campionato ma non tutti questi punti”.

Questo Catania sembra paradossalmente più attrezzato per la B che per il campionato di Serie C, non trovi?
“Questa era una squadra che in B si sarebbe tranquillamente barcamenata in una posizione di centro classifica. Il problema di fondo è che dopo la proclamazione della B a 19 squadre, la rosa è stata completata ma si pensava di fare concretamente la B. Forse alcuni acquisti come Scaglia e Angiulli erano stati pensati per una B di centro classifica. In C magari faticano ad inserirsi. Di certo il Catania strutturalmente ha dei problemi. Quel Barisic lì non funziona proprio. I terzini stentano moltissimo, non si capisce perchè Baraye non giochi dal 1′”.

Difficoltà in fase realizzativa, motivo da ricercare in cosa?
“Rispetto allo scorso anno il Catania ha perso qualcosa a livello di offensività. Parliamoci chiaro, Mazzarani era uno che ti faceva vincere le partite. A Castellammare di Stabia, Cosenza e Siracusa tre gol di Mazzarani valsero nove punti. Ora c’è un buco e lentezza a centrocampo, la palla fatica ad arrivare alle punte. Barisic nella passata stagione fu molto più redditizio e performante e non mi so spiegare questa involuzione. Russotto era molto incostante ma faceva la differenza in più occasioni. Perchè non è stato preso un sostituto adeguato? Secondo me si poteva fare meglio in questo senso sul mercato. Comunque la squadra sta cercando di restare aggrappata e forse ci sta anche riuscendo”. 

Quali giocatori ti hanno deluso di più?
“Barisic, Ciancio e Vassallo. Mi aspettavo molto di più da quest’ultimo che ha fatto vedere delle buone cose con quel bellissimo gol a Matera. L’anno scorso a Carrara mi era piaciuto tantissimo. Barisic deludentissimo, Ciancio mi pare abbia pochi stimoli. Marotta sta ricevendo qualche critica ma secondo me non è un giocatore di doppia cifra. E’ stato anche un acquisto importante e di vetrina, abbiamo avuto modo di vederlo all’opera con il Siena, ma non era stato pensato per segnare tantissimi gol. A questo aggiungiamo che non arrivano tante palle invitanti là davanti”.

Con Marotta e Curiale il potenziale offensivo non manca, quale la soluzione ideale per farli rendere al meglio?
“Sottil sta facendo di tutto per sfruttare le loro potenzialità. A volte li prova insieme, in altre occasioni ne fa giocare uno nel primo tempo e l’altro nella ripresa. Sottil le prova tutte ma a livello di gol segnati siamo messi malissimo, c’è una bassa frequenza di reti all’attivo rispetto allo scorso anno ed è un dato di fatto. Mancano i gol di Mazzarani, qualche realizzazione di mediani, vedi nella passata stagione Caccetta, qualche golletto di Russotto e dei difensori. Io spero che la cosa cambi radicalmente perchè se il Catania non prende gol ma allo stesso tempo non segna cominciamo a fare una collana di 0-0…”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***