CATANIA: un solo tiro in porta non basta, squadra fragile e svuotata

3
577

I rossazzurri affondano a Viterbo. Ti aspetti un Catania determinato fino in fondo a vincere per tentare l’assalto alla vetta, come più volte dichiarato dai diretti interessati. Ne viene fuori una prova opaca contro un avversario che non fa nulla di trascendentale ma sfrutta tutte le lacune e fragilità di un Catania assai modesto ed improduttivo. Incredibile riscontrare che il primo tiro etneo nello specchio della porta è del neo entrato Fran Brodic al minuto 89.

Questo la dice lunga sulla totale inefficienza e sterilità del reparto offensivo. Puoi mettere dentro tutti gli attaccanti che vuoi ma senza costrutto ed un minimo di lucidità è impossibile scardinare una difesa solida come quella della Viterbese. Ai padroni di casa bastavano pochi passaggi per arrivare nei pressi dell’area di rigore attraverso un giro palla efficace e molto meno macchinoso del Catania. Elefante, al contrario, fin troppo prevedibile con un centrocampo statico e confusionario, tanti errori in fase d’impostazione, poche idee.

Squadra fragile, smarrita, che va presto in difficoltà. I gialloblu hanno vinto meritatamente, senza troppi sforzi, contro un Catania parso anche svuotato, bollito, privo d’identità e personalità. Sconfitta pesante, non tanto per la classifica in sè ma soprattutto per i passi indietro effettuati sul piano caratteriale rispetto alle già poco esaltanti prove offerte in precedenza. I frequenti cambi di modulo non aiutano, Sarno illumina ma se non viene supportato adeguatamente dalla squadra può fare ben poco. Pomeriggio nerissimo per il Catania che, giunto alla fase clou della stagione, non ha ancora trovato il bandolo della matassa.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

3 COMMENTI

  1. Questi sono i Risultati di una Campagna Acquisti Totalmente Fallimentare. Un Centrocampo da Due Anni sempre lo stesso e Avanti con gli Anni, e che è stato la Causa di questi ultimi Anni Fallimentari. Lo Scrivo dallo scorso Anno che Abbiamo un Centrocampo tra i più Deboli della Categoria. I Nomi non Bastano e non ti fanno Vincere, ma Accumuli Risultati che non ti fanno andare da Nessuna Parte. Ormai le Squadre ci Conoscono Bene, e appena Attuano un Minimo di Pressing andiamo in Difficoltà e sembriamo delle Statuine. Una Squadra (che al Cospetto delle altre che Vanno a Mille)che in Campo cammia a passo di Lumaca è Inevitabile che Vada in Balia degli Avversari.

  2. Questo è il secondo anno di questo centrocampo Biagianti corre ma un contrasto non lo vince mai Lodi aspettiamo la punizione ma in serie C sotto lo sguardo di tutti passeggia ,a centrocampo viene umiliato. Sembrano ogni domenica 11 sconosciuti che si incontrano per la prima volta a chi perde paga il campo vergogna.

  3. Questo risultato misero e deludente era stato annunciato sin dalle prime uscite in campionato. Per quanto riguarda la responsabilita’ di quanto puntualmente siamo costretti ad assistere,non posso che addossarla per il 70% al tecnico, perché ,per quanto costruita male la squadra,non riesco a capacitarmi della pochezza che esprime.In fondo a detta di una certa stampa di settore, questi giocatori non sono tra gli ultimi arrivati , anzi proprio il contrario.A questo punto non ci rimane che rivedere la guida tecnica e ricominciare ad impostare il prossimo campionato di serie C e non farsi illusioni per quest’anno perché non possiamo sperare nemmeno nei play off ; troppo poco tempo per chiunque arrivi a rimettere su la baracca ,e altre squadre vedi Trapani e quel meraviglioso Catanzaro già rodate e con una identità di gioco invidiabile.
    All’anno prossimo ,e sempre forza Catania!

Comments are closed.