REGGINA – CATANIA: voti rossazzurri. Pisseri evita passivo più ampio, Rizzo ‘fantasma dello Stretto’. Silvestri che combini? Di Piazza a “Chi l’ha visto”, Marotta e Curiale nervosi

0
834
Reggina vs Catania

Trasferta nefasta per il Catania in quel di Reggio Calabria. 3-0 inequivocabile, sconfitta di proporzioni notevoli e prestazione ben al di sotto delle aspettative. Cade male, malissimo il Catania al “Granillo”. Raggiungendo la sufficienza si salva solo il portiere Matteo Pisseri che, in un paio di occasioni, ha evitato un passivo più ampio. Per il resto nessun giocatore rossazzurro ha fornito risposte valide. Da Aya a Marchese, la difesa ha sistematicamente sofferto le scorribande di Bellomo, Doumbia e Strambelli. Silvestri, ciliegina sulla torta, ha concesso il fallo netto ed ingenuo da rigore che ha spianato la strada alla Reggina subendo il 2-0 ad inizio ripresa. Sugli esterni Calapai e Baraye erano partiti discretamente, per poi sciogliersi come neve al sole nei successivi minuti.

A centrocampo si è fatta sentire, e non poco, l’assenza di capitan Biagianti, leader e trascinatore. Rizzo venne soprannominato “Gattuso dello Stretto” quando indossò la casacca della Reggina. Ebbene, al ritorno da ex, sul rettangolo verde abbiamo visto un fantasma. Lodi non è riuscito ad orchestrare al meglio delle sue possibilità, Bucolo viene anticipato di netto in occasione dell’1-0 amaranto. Cerca subito di riscattarsi andando vicinissimo al pari ma Confente gli dice di no. Per il resto, prova incolore del centrocampista che si fa travolgere dal nervosismo generale della squadra.

Nervosismo simboleggiato in modo evidente dalla reazione di Marotta al momento del cambio. In Sala Stampa ha precisato di avercela con se stesso, per nulla contento della performance sua – in effetti ha girato a vuoto fino a quando è rimasto in campo – e della squadra. Al suo posto Curiale, ciliegina sulla torta, nel finale colpisce con una manata un avversario rimediando il cartellino rosso. Fallo totalmente inutile e dannoso. Altro evidente segnale di tensione questo. E che dire di Di Piazza? L’ex attaccante del Lecce è finito a “Chi l’ha visto”. Novellino lo ha sostituito nella ripresa ma nessuno si era accorto della sua presenza in campo. Sarno e Llama, nel grigiore assoluto, subentrati nel secondo tempo hanno corso ed assicurato impegno ma agendo da solisti. Valeau e Carriero ci mettono buona volontà, ma non basta a situazione ormai compromessa.

TITOLARI

Matteo Pisseri  6
Ramzi Aya  5
Tommaso Silvestri  4
Giovanni Marchese  5.5
Luca Calapai  5
Giuseppe Rizzo  4.5
Francesco Lodi  5
Rosario Bucolo  5
Joel Baraye  4.5
Alessandro Marotta  4
Matteo Di Piazza  4

SUBENTRATI

Davis Curiale  4
Cristian Llama  5.5
Vincenzo Sarno  5.5
Giuseppe Carriero  5.5
Lorenzo Valeau  5.5 

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***