SICULA LEONZIO: conosciamo l’avversario. Squadra dinamica e di qualità, centrocampo solido. Miracoli, buon impatto

0
84
Sicula Leonzio

Squadra di buon livello la Sicula Leonzio, ma che non ha trovato la giusta continuità. Lo scorso anno i bianconeri hanno meritatamente centrato i Play Off dando vita ad un eccellente girone di ritorno. Adesso il tasso tecnico della rosa è stato innalzato con innesti di qualità per la categoria. In vista del Catania si registra la presenza a difesa dei pali di Pane, uno degli uomini più rappresentativi della Leonzio che nella passata stagione ha militato nel Siena. Con ogni probabilità Vincenzo Torrente, subentrato a dicembre a Paolo Bianco, farà giocare i lentinesi secondo un propositivo 4-3-3 (o 4-3-1-2), anche se in alcune circostanze ha proposto il 3-5-2.

Nel reparto arretrato spicca l’esperienza di Aquilanti, classe 1985, ma attenzione a Ferrini, cresciuto nelle giovanili del Sassuolo che sta trovando spesso spazio ed è un difensore che farà parlare di sè in futuro. Squillace è un autentico stantuffo sulla corsia di sinistra, il Catania dovrà prestare attenzione alle sue accelerazioni. A destra, De Rossi rappresenta una vecchia conoscenza rossoazzurra. Cugino del noto romanista Daniele, Andrea è un elemento di spicco per la categoria, valido sia in fase di contenimento che di spinta. Laezza, invece, prelevato dalla Reggina è un buon giocatore che può ricoprire sia il ruolo di centrale (soprattutto) che di terzino.

In mezzo al campo interdizione ed inserimenti sono il pane quotidiano di Marano. Centrocampo di qualità con D’Angelo che è un altro giocatore da tenere d’occhio, capace d’inserirsi con pericolosità e sempre nel vivo del gioco bianconero. L’ex bandiera del Palermo Giovanni Tedesco ha contribuito maggiormente alla sua formazione calcistica. Molto utile, inoltre, la duttilità e completezza tattica di Gianluca Esposito. Ulteriore tassello di qualità, il centrocampista Megelaitis a cui piace agire davanti alla difesa e distribuire il gioco. Dice d’ispirarsi al campione tedesco Toni Kroos.

Per quanto riguarda il reparto offensivo, tanta sfortuna non avendo a disposizione gli infortunati Gomez, Ripa (ex di turno) e Bollino. In compenso mister Torrente può contare sui guizzi ed i pericolosi inserimenti di Gammone, il talento cristallino di Rossetti (attaccante ancora di proprietà del Catania), centimetri e gol di Miracoli, centravanti arrivato a gennaio che ha avuto un buon impatto in bianconero. Profili interessanti, poi, quelli di Francesco Russo e Dubickas, attaccanti esterni che prediligono il gioco palla a terra ed in velocità.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***