CATANIA: mercato low cost ricercando la qualità, scelta azzeccata o improduttiva?

1
1960
Torre del Grifo, Catania

Zero proclami, fari spenti, interventi sul mercato a basso costo e tendenza ad evitare la sottoscrizione di costosi contratti pluriennali. Questa la strategia adottata dal Catania in risposta alla proprietà di un club come il Bari che, invece, punta su giocatori grandi firme mettendo a disposizione della dirigenza un budget estremamente importante per arrivare al raggiungimento della Serie B. Sulla carta il Bari sta allestendo un organico superlativo che dovrebbe consentire di vincere a mani basse il campionato.

In realtà la C nasconde molteplici insidie e la legge del calcio insegna che non sempre una squadra composta da nomi di notevole rilevanza riesce ad avere la meglio. Perchè questo sport non è una scienza esatta ed in particolare il campionato di terza serie ha dimostrato, negli anni, che anche un Bisceglie o un Rieti – con tutto il rispetto per le squadre citate – possono mettere in difficoltà le grandi. Spendere tanto non è garanzia di successo. Devi, poi, assemblare ed amalgamare il gruppo definendo una precisa identità.

Il Catania, in tal senso, ricerca la qualità attraverso un esborso economico il più possibile contenuto coinvolgendo, in questo progetto, il tecnico Andrea Camplone. L’allenatore pescarese è parte integrante del piano di rafforzamento della rosa, a differenza di quanto accadde con mister Sottil che – lo scorso anno – chiese una moltitudine di giocatori ma venne accontentato in maniera molto parziale. Adesso il percorso intrapreso è quello giusto? Si attendono i prossimi acquisti e, soprattutto, il verdetto del campo.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

  1. Condivido: è evidente: alcuni vanno in boutique, i più profittano dei saldi, ma dobbiamo essere realistici: c’è all’orizzonte una proprietà che possa fare meglio? C’è un A.D.più rassicurante di questo? Ricordiamoci cosa è successo quando se ne andò, siamo arrivati qui e non mi pare che una componente essenziale di ogni Società, la Tifoseria, abbia potuto fare granché per evitarlo vedi Palermo che rifiuta Ferrero per chi?

Comments are closed.