ESCLUSIVA – Rattile (Sport361): “Catania favorito a Monopoli ma deve prestare attenzione, Pinto colpo di mercato intelligente”

0
661
Monopoli vs Catania

Domenica scenderanno in campo Monopoli e Catania, avversarie allo stadio “Vito Simone Veneziani” per la 5/a giornata d’andata del girone C di Serie C. Per saperne di più sulla formazione biancoverde e non solo, abbiamo contattato il collega Filippo Rattile di ‘Sport361 / Amica 9 Tv’:

Il Monopoli ha esonerato Roselli, optando per il ritorno di Scienza. Come mai questa decisione ad inizio campionato?
“La decisione di cambiare subito la conduzione tecnica, è scaturita dall’esigenza di voler fronteggiare con maggiore oculatezza le gare in sequenza contro le big. La società ha inteso voler cambiare subito, forse anche per aver valutato in ritardo il modus operandi di Roselli, non congeniale per la squadra”.

Colpaccio biancoverde a Terni. Adesso arriva il Catania. Con quale spirito il Monopoli affronterà gli etnei?
“Dopo il colpaccio del ‘Liberati’, la comitiva si è subito messa a lavoro. Inutile festeggiare quando si è solo all’inizio. Restano da migliorare molti aspetti. Ma lo spirito con cui si andrà a fronteggiare un’altra corazzata del girone sarà lo stesso della vigilia di Terni”.

In questi anni il Monopoli ha consolidato la propria posizione in C, facendo sempre meglio. Quest’anno é possibile alzare l’asticella?
“I programmi societari hanno, invece, subito un contraccolpo. Non più programmazione per provare lo storico balzo in Serie B. Ma una programmazione in funzione alla crescita dei giovani. Non a caso il Monopoli sta puntando sistematicamente alla valorizzazione anche e soprattutto per avere un riscontro economico che faciliti poi i conti in sede di bilancio. Obiettivo minimo: tranquilla salvezza”.

In questa stagione, secondo molti addetti ai lavori, 5-6 squadre lotteranno per la promozione. Tu lo scorso anno vedevi il Catania favorito. La pensi ancora così?
“Confermo. L’anno scorso avevo dato per favorito assoluto il Catania. Resta la squadra maggiormente indiziata anche per la stagione in corso, al pari però di Ternana, Reggina e Catanzaro”.

Nelle ultime stagioni il Catania ha faticato non poco a Monopoli. Domenica che partita ti aspetti al ‘Veneziani’?
“Non mi aspetto mai partite dall’esito per così dire scontato; nemmeno contro squadre meno titolate. Per cui, di fronte a una tale forza, i biancoverdi possono solo sperare in una giornata ‘si’ sul modello Terni. I rossazzurri arrivano in Puglia con i favori del pronostico. Se il Catania gioca come sa giocare, trovando tutti i meccanismi giusti, ci sarà poco da fare per qualsiasi avversario. Se non sarà attento potrebbe incappare nella trappola dell’imponderabile. Il 5-0 di qualche stagione addietro, però, è solo un (inutile) flebile ricordo per entrambe le contendenti”.

Quali giocatori delle due squadre potrebbero essere principali protagonisti dell’incontro?
“Jefferson e Donnarumma da una parte; Lodi e Pinto dall’altra. L’ex, il ‘pendolino’ della Valle d’Itria è uno dei colpi più intelligenti del mercato etneo”.

Scienza da una parte, Camplone dall’altra. Entrambi con storie diverse ma hanno già allenato in B. Li rivedremo presto in cadetteria?
“Sono due allenatori emergenti, che hanno le loro legittime ambizioni. È possibile che uno o entrambi finiscano per tornare in B. Sono preparati e molto seri, e il salto tra i cadetti non potrà essere che una naturale conseguenza del loro brillante cammino professionale”.

Quale formazione il Monopoli potrebbe opporre domenica al Catania?
“Mister Scienza ama smentire le previsioni altrui sull’undici di partenza. Oltre a non volersi mai sbilanciare causa pretattica, credo lo faccia anche perché vorrebbe tastare il polso dei giocatori per valutarne meglio il loro stato psico-fisico sino all’ultimo momento ora. Prevedo che non possa esserci rivoluzione. Per cui sarà ancora 3-5-2 con la presenza sin dall’inizio dei tre under. A mio avviso: Antonino tra i pali; Rota, De Franco e Maestrelli in difesa, con Tazzer e Donnarumma sugli esterni; terzetto di centrocampo composto essenzialmente da Giorno, Carriero e Piccinni; Jefferson e Fella coppia d’attacco”.

Si ringrazia il collega Filippo Rattile per la gentile concessione dell’intervista.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

© RIPRODUZIONE DEL TESTO, TOTALE O PARZIALE, CONSENTITA ESCLUSIVAMENTE CITANDO LA FONTE – Qualunque violazione del diritto di copyright sarà perseguita a norma di legge.