CATANIA: le scelte di Camplone contro il Picerno. Come cambia la squadra nel corso del match

0
134

Dopo la doppia sconfitta esterna al cospetto di Reggina e Ternana, Camplone continua a proporre il 4-3-3 contro il Picerno, sconfitto per 1-0 allo stadio “Angelo Massimino”. Come di consueto, vediamo in che modo il tecnico pescarese ha modificato gli interpreti nel corso della gara disputata domenica pomeriggio:

COSI’ DAL PRIMO MINUTO

Diverse novità rispetto al match di Terni. Torna Pinto sulla sinistra, dentro Llama e Rizzo a centrocampo con Curiale e Barisic in avanti. La prestazione offerta nel primo tempo vede un Catania subito propositivo e determinato a sbloccare quanto prima il risultato. La difesa del Picerno, però, resiste e – con il passare dei minuti – ben presto si spegne il forcing rossazzurro. Il possesso palla di marca etnea diventa sterile, il centrocampo poco dinamico e molto impreciso, l’attacco prevedibile. Non si riesce a scardinare l’attenta retroguardia ospite ed i ritmi di gioco crollano vertiginosamente.

MINUTO 41

Barisic conferma di essere ancora in netto ritardo di condizione e viene sostituito al 41′ da Rossetti. Fuori anche un deludentissimo Llama per Welbeck. Già prima dell’intervallo mister Camplone prova a mettere le cose a posto, ed in effetti le due sostituzioni producono effetto positivo vivacizzando un tantino la manovra, seppure in un contesto poco esaltante.

MINUTO 46

La ripresa inizia con un altro cambio effettuato da Camplone. Spazio a Di Piazza per Rizzo con Mazzarani che da esterno d’attacco arretra il proprio raggio d’azione ricoprendo il ruolo di mezzala, sempre all’interno di un 4-3-3. Un modo per dare una sferzata alla squadra. Proprio nelle battute iniziali del secondo tempo arriva la rete dell’1-0. Incursione di Curiale, respinta, tocco per l’accorrente Mazzarani che spedisce in rete.

MINUTO 75

Altra sostituzione. Curiale esce tra i fischi del pubblico, dentro Dall’Oglio per provare a dare maggiore solidità e fisicità al centrocampo. Mazzarani torna a giocare in posizione più avanzata. La mediana rossazzurra, comunque, va in difficoltà sull’aggressione ed il pressing che il Picerno attua sui portatori di palla. 

MINUTO 86

Ultimo cambio nei minuti finali del match. L’ex tecnico del Perugia fa rifiatare Calapai rimpiazzandolo con il giovane Kevin Biondi. Sono momenti di sofferenza per il Catania che rischia più di qualcosa ma stringe i denti fino allo scadere dei 5′ di recupero, difendendo il risultato di 1-0 al termine di una partita per lunghi tratti incolore.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***