PAGELLE DI REPARTO: prestazione positiva nel complesso. Lodi opaco, gol Curiale da ’10’. A Di Molfetta manca il gol

0
570

Come in occasione di ogni partita, realizziamo le pagelle del Catania reparto per reparto. Non fa eccezione il match di Coppa Italia vinto di misura contro la Sicula Leonzio allo stadio “Angelo Massimino”.

DIFESA, 6.5

Esordio stagionale per Miguel Martinez a protezione dei pali. Lo spagnolo è provvidenziale in un paio di circostanze, salvando la propria porta sulle conclusioni di Terranova ed Esposito. Abbastanza sicuro nelle uscite, Martinez ha guidato con personalità il reparto arretrato. Per il resto, i centrali Silvestri ed Esposito concedono poco all’attacco bianconero. Ordinaria amministrazione per Noce, che torna a ricoprire il ruolo di terzino in cui ha spesso giostrato la scorsa stagione a Cesena. In qualche occasione va anche al tiro muovendosi con discreta disinvoltura. Sulla sinistra Marchese, in un contesto di gara con ritmi poco elevati, fa buona guardia evidenziando anche proficue discese palla al piede. Nel complesso, dunque, bene la difesa malgrado nel secondo tempo si sia corso qualche rischio inutile.

CENTROCAMPO, 6

Lodi offre una prova opaca. Passaggi frequentemente imprecisi, a volte sembra quasi disorientato con pochi momenti in cui accende la luce. Prestazione tutta cuore e grinta, invece, quella offerta da Bucolo. Discreto il contributo di Dall’Oglio soprattutto in termini di quantità in mezzo al campo. Gara di sostanza la sua, avrebbe anche potuto segnare nel corso del secondo tempo. Nel finale gli subentra Fornito, il quale scende in campo con il giusto atteggiamento e la necessaria applicazione.

ATTACCO, 6.5

Il gol di Curiale meriterebbe da solo il 10 in pagella. Davvero splendida l’esecuzione in rovesciata dell’attaccante. Sarebbe dovuto essere più cattivo sotto porta in determinate occasioni, si nota chiaramente che non è sereno ma il gran gol rifilato alla Sicula Leonzio potrebbe aiutarlo a ritrovare autostima. Lele Catania sta cercando di acquisire la forma fisica ideale, si mette al servizio dei compagni partecipando alla costruzione della manovra offensiva. Idem Di Molfetta. Il ragazzo possiede mezzi tecnici non indifferenti e piace molto a Lucarelli, ma va recuperato da qui alla chiusura dell’anno solare. Continua la ricerca spasmodica della sua prima rete in casacca rossazzurra. Nel corso della ripresa c’è spazio anche per Di Piazza, che vuole a tutti i costi entrare nel tabellino dei marcatori ma Nordi gli dice di no. Ancora piuttosto macchinoso Barisic.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***