MUGHINI: “Feltri è ‘uno che ci fa’. Io sono fuggito a gambe levate da Catania. Sviluppo Nord anche grazie a meridionali immigrati”

2
17819
Giampiero Mughini

L’intervento del direttore di Libero Vittorio Feltri parlando di “meridionali inferiori” ai microfoni della trasmissione ‘Fuori dal coro’, su Rete4, ha determinato una lunga serie di polemiche. Il catanese Giampiero Mughini, che non si è mai vantato di essere meridionale, scrive una lettera attraverso il sito dagospia.com:

“Caro Dago, te la faccio breve breve. Vittorio Feltri – uno che conosco come le mie tasche per avere scritto a lungo su due giornali da lui diretti – è semplicemente “uno che ci fa”. Misura le spacconate e le bravate, una dopo l’altra, perché sa che di quelle si nutre la civiltà massmediatica.

Lascia andare, come fosse una bomba a scoppio ritardato, l’affermazione che i meridionali sono “inferiori” e per una settimana almeno ecco che c’è chi manda appelli accorati a difesa dei meridionali, chi vuole Vittorio morto, chi fa riferimento ai sacri valori della Costituzione, chi si appicca al petto la medaglia di meridionale, chi vuole deferire Vittorio e persino Mario Giordano a non so quale supremo Tribunale. Dio che sciocchezze. Te ne sta parlando uno che non si vanta affatto di essere meridionale e che dalla sua città di origine (Catania) è fuggito a gambe levate nel gennaio 1970. Uno che se glielo chiedono che cos’è, risponde di essere italiano. Uno che ha nel sangue i libri di Leonardo Sciascia, Luigi Pirandello, Vitaliano Brancati e tanti altri.

Diciamo semplicemente che non è facile essere meridionali, e diciamo pure che il nord ha conosciuto lo sviluppo che ha conosciuto a forza di meridionali immigrati che avevano due coglioni grossi così. Tutte cose che Vittorio sa a puntino, anche se la prossima volta che capiterà l’occasione ne sparerà un’altra delle sue. Anzi non vede l’ora. Perché è così che funzionano i massmedia, bellezza. Vittorio avesse scritto un poema superiore alla “Divina Commedia”, sui giornali si sarebbe guadagnato tutt’al più un trafiletto.

Abbiamo tali e tanti problemi, lasciamo stare le logomachie. Uno di questi problemi è che ci sono due Italie, l’una che finisce a Roma e l’altra che comincia a Roma e questo dopo 150 anni di presunta Unità d’Italia. E’ questa la discussione drammatica cui dobbiamo apprestarci e senza che nessuno abbia le spiegazioni bell’e pronte. E’ questa la discussione che dobbiamo tenere aperta nella mente e nel cuore di noi cittadini italiani del terzo millennio. Ciao Vittorio, ciao direttore, ti voglio bene”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

2 COMMENTI

  1. Qualcuno ha ancora voglia di essere divisivo e usare vecchi slogan. Ma gli asini non ragliano nel mese di maggio ? Ancora siamo in aprile.

  2. Mughini te lo tieni caro questo str..zo? Io sono catanese e lavoro da 40 anni , allora si lavorava con una laurea! Ho visto e subito le difficoltà che abbiamo noi nel sud ed adesso i miei due figli, dopo la laurea, emigrano in Lombardia. Qui non basta più una laurea per lavorare, tutto si fa più difficile. Perchè, tu giornalista, non denunci la disparità di servizi, la mancanza dei livelli essenziali delle prestazioni, il federalismo fiscale applicato a favore delle città del nord, perchè non denunci queste e le tante altre differenze che aumentano la disparità della vita tra nord e sud, e perchè accarezzi il pelo ad uno come il tuo direttore che di tutto questo se ne frega e ci disprezza. Alla nostra età adoperiamoci per fare una Italia sola, ma uguale!

Comments are closed.