CATANIA IN LEGA PRO: dal 2015 al 2020, i rossazzurri più “anziani”. Il trio Biagianti-Marchese-Lodi ma non solo

0
245
Giovanni Marchese e Marco Biagianti

Quali calciatori rossazzurri, in questi difficili anni di Lega Pro, per “anzianità” hanno contribuito ad innalzare l’età media della rosa? Analizzando gli organici del Catania nel periodo di riferimento 2015-2020, diventa facile riscontrare nelle singole stagioni la presenza di Marco Biagianti, Giovanni Marchese e Francesco Lodi. Tre giocatori che hanno scritto grandi pagine di storia ai tempi della Serie A e che, facendo rientro alla base per una scelta primariamente di cuore, speravano di rilanciare le ambizioni dell’Elefante. Così non è stato malgrado il Catania sia andato due volte vicino al salto di categoria, cedendo ai Play Off rispettivamente contro Robur Siena e Trapani.

Tra i cosiddetti “cavalli di ritorno” anche l’argentino Cristian Llama, che tuttavia non è riuscito ad incidere come avrebbe voluto (adesso milita nel Gimnasia y Esgrima Mendoza), e Gianvito Plasmati. Quest’ultimo, quattro anni fa, aveva il contratto pronto da rinnovare con la vecchia dirigenza prima che ai piedi dell’Etna tornasse il Direttore Lo Monaco, il quale decise di non confermarlo. Figurano anche il brasiliano Caetano Calil, che fece molto bene nella prima parte di stagione 2015/16 prima di eclissarsi. Spazio, inoltre, ad Andrea Esposito (da due anni sotto il vulcano) e Davis Curiale (rossazzurro da tre stagioni), ma anche ai catanesi Emanuele Catania (39enne ora in forza alla Sicula Leonzio) e Giuseppe Russo. A questi si aggiungono il bomber formato trasferta Francesco Ripa, i centrocampisti Domenico Di Cecco e Cristian Caccetta, il difensore Stefano Ferrario, oggi rispettivamente sotto contratto con AZ Picerno, Audace Cerignola, Paganese e Cattolica San Marino.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***