ACCADDE OGGI – 6 luglio 2018, Sottil si presenta come allenatore rossazzurro: “Ho rifiutato la B per tornare a Catania”

0
326
Andrea Sottil

6 luglio 2018. Prime parole da allenatore del Catania per Andrea Sottil a Torre del Grifo, nel giorno della presentazione ufficiale. Queste le dichiarazioni più significative del tecnico di Venaria Reale evidenziate due anni fa da TuttoCalcioCatania.com:

Buongiorno a tutti. Innanzitutto ringrazio la proprietà, i Direttori Lo Monaco ed Argurio per avermi scelto per questa prestigiosa panchina. Catania per me significa tanto. Ci ho giocato, vinto e sofferto da calciatore. Purtroppo è in Lega Pro, ma di Lega Pro non ha nulla a livello dirigenziale, aree lavorative, tifoseria, blasone, storia e con un Centro Sportivo che ci invidiano tutti. Questa è una piazza da Serie A. Ho tantissimo coinvolgimento, mi riempie d’orgoglio essere qui, non sapete quando mi soddisfi professionalmente allenare il Catania. A livello motivazionale ancora di più. Ho lasciato la B, ma il richiamo del Catania è stato troppo forte. I tre anni di contratto contano tantissimo per me, hanno fatto la differenza. Senza pensarci tanto ho firmato e non vedo l’ora d’incominciare questo percorso“.

Questa è una categoria difficile che io penso di conoscere abbastanza bene. Posso contare sulla grandissima esperienza dei miei dirigenti e su una squadra che sarà competitiva. Sono molto contento ed emozionato perchè per me Catania rappresenta molto, il massimo. Darò ancora di più, tutto me stesso in termini di serietà, abnegazione e sacrificio per cercare di portare questo club dove merita. Qui abbiamo vinto un campionato storico, sofferto fino alla fine, conquistato salvezze incredibili. Tornare ai piedi dell’Etna ha fatto scaturire in me emozioni forti. Non sono frasi fatte le mie. E’ stata una scelta personale, quella di rinunciare al campionato cadetto”.

“Il Catania in Lega Pro deve essere la squadra protagonista, difficile da battere. Ho in testa di costruire una formazione avente una precisa identità, capace d’imporre il gioco, di essere intensa, propositiva, vincente. Ci sarà tanto lavoro da fare, le idee sono chiare e condivise con la dirigenza cercando i profili giusti per Catania. Perchè giocare qui ed in una cornice di pubblico come quella del ‘Massimino’ è completamente diverso che farlo in altri posti. Qualità tecniche ma soprattutto carattere e personalità, carisma, capacità di osare. Questo conta. Perchè a Catania non basta impegnarsi, ma bisogna giocare con anima e cuore. Non è sufficiente la bravura. Chi sceglieremo sarà chiamato solo per vincere. E dovrò, quindi, creare in primis una precisa identità di squadra sia in casa che fuori. Giocando sempre per vincere con determinate caratteristiche”.

 

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***