ESCLUSIVA – Tateo, procuratore di Curcio: “Non penso che Raffaele se lo faccia sfuggire. Sarao, sondaggi del Catania. Di Piazza-Palermo? Vi spiego”

0
2679
foto tuttoc.com

Con Alessio Curcio che pare destinato alla riconferma e potrebbe rinnovare il contratto, in queste ore circola con insistenza il nome di Manuel Sarao, attaccante classe 1989 della Reggina. Per aggiornamenti sul futuro di Curcio ed un eventuale trasferimento di Sarao al Catania abbiamo contattato il procuratore di entrambi i calciatori, Giovanni Tateo. Gli abbiamo anche chiesto del futuro di Matteo Di Piazza, in particolare commentando alcune voci che lo indicano come possibile rinforzo del Palermo. Queste le sue parole ai microfoni di TuttoCalcioCatania.com:

“Col Catania ancora non ho avuto contatti però il Direttore Taibi mi ha detto che c’erano stati dei sondaggi del Catania per Sarao, sto attendendo che il club rossazzurro mi chiami per capire se è una strada percorribile. Sulle sue tracce ci sono anche altre società, il ragazzo è in uscita dalla Reggina”.

Curcio? Presumo che rimanga a Catania. Penso che abbia dimostrato di starci molto bene, lo scorso anno ha fatto un gran campionato. Rimarrebbe non volentieri, di più. E un allenatore come Raffaele non ha problemi a giocare eventualmente con il trequartista, rivedendo solo alcuni aspetti tattici. E’ un tecnico talmente preparato che non penso si faccia sfuggire un giocatore come Curcio che può assicurargli tanta qualità. Il ruolo del trequartista è un problema che non esiste. Il ragazzo è molto apprezzato dai tifosi. Ha il contratto in scadenza a giugno 2021 e percepisce un ingaggio non eccelso per la categoria. Lui ha sposato il progetto Catania andando incontro alle esigenze del club a gennaio, riducendoci anche l’ingaggio che percepiva a Vicenza. Adesso il Catania sta facendo le proprie valutazioni sui tanti contratti in scadenza della rosa, chiaramente ripartendo da un’ossatura non puoi lasciarla a scadenza. Io penso che a breve faranno un passo avanti per sistemare queste situazioni di stallo”. 

Di Piazza? Abbiamo visto quello che ha fatto per venire a Catania due anni fa. L’anno scorso la situazione economica era abbastanza critica, ha rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Avendo già vissuto un esperienza simile al Savoia, ha avuto qualche timore e quindi si è spostato, ma adesso è un giocatore del Catanzaro e ritengo che i giallorossi punteranno su di lui. Del resto ha altri due anni di un contratto importante. Palermo? C’è stato un pour parler all’inizio ma quando tutto era ancora in fase embrionale, dopo non si sono fatti più sentire. La trattativa col Palermo è una cosa nata e morta nello stesso momento”. 

===>>> SARAO: un indizio lo avvicina al Catania

 

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***