GIRONE C: tra conferme e sorprese con il Covid a fare sempre da arbitro

0
220

In queste prime giornate del girone C del campionato di Serie C sono state parzialmente rispettate le previsioni della vigilia, con alcune outsider insediatesi nei primi posti impressionando per il bel gioco.

Le certezze di questa stagione sono rappresentate senza dubbio dalla Ternana di Cristiano Lucarelli e dal Bari di Gaetano Auteri. Le “fere” comandano la classifica con 30 punti e un vantaggio consistente di 7 lunghezze proprio sui biancorossi pugliesi. Questi ultimi, nonostante una buona partenza, hanno accusato come nello scorso torneo qualche occasionale flessione dovuta probabilmente alle troppe pressioni dell’ambiente e ad un’amalgama non ancora ritrovata.

Appaiata a quota 23 con il Bari c’è una delle sorprese di questo avvio di torneo, il Teramo guidato da Massimo Paci, tra i tecnici emergenti della categoria. Gli abruzzesi hanno avuto un vero e proprio avvio sprint grazie a un gioco accorto ed essenziale, che li ha portati finora a sfruttare nel migliore dei modi il fattore campo, nonostante il severo cappotto di domenica contro la capolista Ternana.

L’altra grande sorpresa è la Turris di Francesco Fabiano, quarta con 20 punti, che nelle ultime due sfide giocate in Sicilia ha ottenuto 4 punti e si segnala per l’imbattibilità nelle gare in trasferta, che dura dal mese di ottobre dello scorso anno. L’undici corallino ha dimostrato contro il Catania di chiudersi abbastanza bene in difesa, grazie a un’ottima disposizione in area, e di saper pungere in fase offensiva, come dimostrato nella vittoria del “Renzo Barbera” contro il Palermo.

Nei posti a seguire, le due siciliane assieme a Catanzaro, Juve Stabia e Monopoli hanno avuto un inizio balbettante. Idem l’Avellino, comunque con ben quattro partite in meno. I rosanero di Boscaglia hanno incontrato non poche difficoltà a calarsi nella realtà della categoria e la recente sconfitta con la Turris ha riacceso il campanello d’allarme. La Vibonese, invece, malgrado abbia cambiato molto sembra in grado di proseguire il lavoro proficuo degli ultimi anni. Ancora da decifrare il Foggia, comunque trascinato da un ottimo Curcio.

In coda infine sono palesi le difficoltà incontrate da formazioni come Viterbese, Casertana, Cavese e Potenza che, nelle ultime stagioni, si erano di volta in volta distinte tra le rivelazioni. Il prosieguo del campionato dirà molto, ma l’emergenza Covid ha fatto già la sua parte con rinvii di gare e squadre decimate. L’ipotesi di sospensione del campionato è sempre da tenere d’occhio, ma le parole pronunciate nei giorni scorsi dal presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, sembrerebbero renderla piuttosto remota.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***