REGINALDO: “La squadra c’è, crediamo in noi stessi. Dalle prossime gare passa il salto di qualità”

1
971

L’attaccante brasiliano Reginaldo felice di commentare il ritorno alla vittoria del Catania, riuscito ad imporsi per 2-1 sul campo dell’Avellino.

“Anche prima di Teramo sapevamo di potercela giocare con chiunque, consapevoli delle nostre possibilità. Tuttavia non eravamo sereni. Abbiamo cercato di non perdere la tranquillità, perchè dentro di noi sappiamo quali siano le nostre potenzialità. La squadra è in forte crescita da un pò di tempo, non parliamo delle assenze ma guardiamo ad ogni partita dando il massimo a prescindere dai giocatori indisponibili. La società ci ha dato fiducia, sa quello che ognuno di noi può dare. Quando il risultato non arriva sembra che la crescita non si veda, invece noi allenandoci giorno dopo giorno notiamo i progressi come squadra e gruppo. Ci teniamo a dare sempre di più per il Catania”.

“Io sto avendo la possibilità di lavorare con maggiore continuità. Venivamo tutti da un lungo periodo d’inattività, io ho avuto anche il Covid quando stavo cominciando ad acquisire il ritmo partita. Ora sto bene, mi metto a disposizione dei compagni. Pecorino? E’ un bravo ragazzo, un buon calciatore, sa ascoltare ed è educato. Questo è importantissimo. Cerca di fare sempre del proprio meglio. Gli dico solo che noi attaccanti siamo i primi difensori, ormai è così nel calcio moderno. Se lo facciamo come sta facendo lui e sto cercando di fare io, vedi che i risultati arrivano. Si tornerà in campo praticamente subito? Più gioco, meglio sto. Abbiamo vinto ad Avellino ed è meglio che si torni a giocare già mercoledì, ci attendono delle gare che possono far fare il salto di qualità e portare ulteriore entusiasmo. La nostra squadra ne ha bisogno perchè come calciatori ci siamo”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

  1. Mi spiace parlare dei singoli , specie dopo una vittoria, ma sono settimane che sento di dire questa cosa..quando Claiton ha la palla sui piedi, mi viene il freddo…

Comments are closed.