GATTO: il Catania crede ancora nel suo potenziale, Cavese occasione per mettersi in mostra

0
466

Tra gli oggetti misteriosi del calciomercato estivo etneo, Alessandro Gatto merita sicuramente un posto d’onore. Classico giocatore di categoria, il ventiseienne attaccante vanta una ragguardevole esperienza nel campionato di Serie C (145 presenze impreziosite da 13 reti e 9 assist) indossando le casacche di numerosi club (Juve Stabia, Pordenone e Bisceglie sono solo alcune delle società in cui ha militato). I dirigenti di Via Magenta decidono quindi di puntare su di lui e così la seconda punta tarantina diventa uno dei primi acquisti della nuova era rossazzurra.

L’esordio in campionato si concretizza già alla prima giornata contro la Paganese, quando fa il suo ingresso nel finale senza però creare grossi grattacapi alla difesa avversaria. Raffaele lo mette dentro anche col Monopoli sia per migliorarne la condizione fisica che per sfruttarne le doti offensive, ma anche in questo caso l’impatto non è entusiasmante. Nei successivi impegni con Juve Stabia e Virtus Francavilla si accomoda in panchina mentre viene nuovamente impiegato al cospetto di Ternana e Bari; con gli umbri entra a risultato ormai compromesso, avendo però il demerito di fallire di testa una clamorosa occasione per accorciare le distanze. Contro i “galletti” parte titolare, creando qualche presupposto interessante ma senza finalizzare. Dopo l’incontro coi biancorossi, complici anche i problemi fisici, non riesce a ritrovare il campo fermandosi a 4 presenze in maglia rossazzurra.

Il giocatore non lesina impegno, assimila i dettami tattici di Raffaele e sembra anche un valido rincalzo, ma viene impiegato con il contagocce. Le poche apparizioni non hanno fatto desistere la società dal credere ancora nelle sue potenzialità ed è per questo che, dopo attente valutazioni, nei giorni scorsi il Catania ha deciso di cederlo in prestito secco alla Cavese. Obiettivo, aiutare gli “aquilotti” nella corsa salvezza ritagliandosi i propri spazi e facendo la differenza, come spesso accaduto in passato.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***