PICCOLO: “La squadra ha creato tanto e dato l’anima. Faccio mea culpa. Momento delicato, si deve superare da uomini”

3
1232

Al termine della partita persa dal Catania a Torre del Greco, Antonio Piccolo analizza i contenuti del match:

“In occasione del rigore ho sbagliato. Era un momento delicato della gara, un episodio importante. Ho scelto un angolo, è stato bravo il portiere ad intuire. Non ho fatto gol e di conseguenza non abbiamo pareggiato. La gara si poteva mettere in discesa sul piano psicologico, invece non è andata così. Faccio mea culpa. Ammettere l’errore è un dato di fatto, non ci nascondiamo. Si deve ripartire per rispetto verso noi stessi, la società e la piazza. Testa sempre alta e guardiamo alla prossima partita”.

A parte il calcio d’angolo da cui è nato il gol, la Turris ha tirato 1-2 volte in porta. Soprattutto nel secondo tempo abbiamo fatto noi la gara, creando tanto. Abbiamo avuto la voglia di riprendere la partita fino al 90′, cosa che sabato scorso era venuta meno col Teramo. Oggi ho visto una squadra che ha dato l’anima per la causa”. 

“Prima da titolare per me dopo tanto tempo? Mi sento bene fisicamente ma non sono contento perchè attraversiamo un periodo non bello. L’unica strada da percorrere è il lavoro ed analizzare gli errori commessi. Dalla prossima partita possiamo riprendere il cammino che fino ad un mese e mezzo fa aveva caratterizzato il Catania. Nello spogliatoio ci siamo guardati negli occhi, come sempre avviene, soprattutto nelle sconfitte. Troppo facile farlo quando le cose vanno bene. Il momento è delicato, si deve superare da uomini. Ci siamo assunti le nostre responsabilità“.

VIDEO: le parole di Piccolo

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

3 COMMENTI

  1. Certamente, diciamo pure….apprezzabili ,le parole di scusa del buon Piccolo.Tuttavia ,chi lo osservava ,aveva capito, fin dai suoi primi passi, che il rigore sarebbe spretato “Coriu”, come si diceva una volta. In parole povere NESSUNO ,proprio NESSUNO ,sa FARE GOL ,sia SU AZIONE, sia su RIGORE.Lasciamo finire il Campionato e poi “SPAZZOLA e SCUPA” o ,come si dice oggi”RESETTIAMO” tutto,perché,, così’ come’ vi e’ “ TUTTO da RIFARE” è ASSAI POCO da SALVARE ,degli attuali “POFESSIONSTI” .Tacopina ,se ci sei,Pensaci Tu!.

  2. Non abbiamo voluto in squadra lottatori come Biagianti e abbiamo preso giocatori che fra qualche mese arrivano a percepire la pensione sociale e/o di invalidità tanto sono vecchi e quindi non in grado di lottare. Antonino Fichera hai ragione, speriamo che finisce subito il campionato e immediatamente dopo si deve resettare tutto.

Comments are closed.