DA PICCOLO A DI PIAZZA: le potenzialità offensive di un Catania che migliora in zona gol

0
701

Domenica scorsa contro il Potenza per la prima volta in questa stagione il Catania ha segnato cinque gol nell’arco di una singola gara. Sul tabellino dei marcatori non sono finiti soltanto due attaccanti particolarmente rinomati come Di Piazza e Russotto ma c’è stata gloria anche per i terzini Calapai e Zanchi, giocatori dotati di grande spinta propulsiva che non fanno mancare la loro partecipazione attiva alla costruzione della manovra.

Mister Baldini plaude l’attitudine realizzativa mostrata da una squadra che sfoggia un potenziale offensivo notevole per la categoria. Da Piccolo a Di Piazza passando per il cannoniere principe Manuel Sarao, il Catania si aggrappa ai gol degli attaccanti (e non solo) per alimentare ambizioni di fine stagione. Con il tecnico massese al timone dei rossazzurri sembra sia cresciuta l’attitudine a segnare da parte di una formazione che in precedenza aveva evidenziato cospicue lacune in merito. Del resto la prima elementare regola del gioco del calcio dice che vince chi segna un gol in più degli avversari, pertanto le fortune di una squadra passano inevitabilmente dall’abilità realizzativa dei propri giocatori.

Sono 45 i gol siglati dal Catania nell’arco dell’attuale campionato, di cui 26 dai componenti del reparto offensivo così distribuiti: Sarao 8, Pecorino 5, Di Piazza e Russotto 4, Piccolo e Manneh 2 e Reginaldo 1. Ma se da un lato la formazione rossazzurra vanta attaccanti titolari di valore, dall’altro si auspicano progressi significativi da parte dei giovani rincalzi Golfo e Manneh, con un Volpe atteso al varco dopo guai fisici importanti e un Vrikkis visto all’opera soltanto nove minuti in quel di Bisceglie, peraltro con un raggio d’azione limitato dopo l’uscita dal campo di Calapai.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***