BALDINI: “Eravamo meno spensierati del solito, ci siamo innervositi. Orgoglioso di questi ragazzi”

1
1035

Tutta la delusione di mister Francesco Baldini dopo la sorprendente sconfitta casalinga del Catania contro il Foggia:

“C’e rammarico perchè non siamo stati noi. Eravamo meno spensierati del solito, avevamo un pò di tensione addosso. Abbiamo iniziato bene la gara, nei primi 30 minuti eravamo noi a meritare di passare in vantaggio. Poi i ragazzi hanno perso un pò di lucidità, abbiamo iniziato a discutere in mezzo al campo prendendo un gol che ci ha innervositi molto. Abbiamo fatto un pò più di fatica sulle fasce laterali, bravo il Foggia a chiuderci gli spazi. Ma i ragazzi mi hanno dato tutto quello che avevano in queste otto partite. In parte non siamo stati noi oggi, nè a Foggia per mezz’ora ma sono orgoglioso di avere allenato un gruppo che mi ha fatto tornare la voglia di fare il mio mestiere. I gruppi come questi sono la fortuna di ogni allenatore. Non c’è un ragazzo a cui rimprovero qualcosa”. 

Il mio futuro? In questo momento la società penso abbia delle cose da risolvere più importanti del fatto che Baldini resti. Sicuramente questa piazza mi piacerebbe conoscerla. Non ho mai vissuto la città, mai visto lo stadio con il pubblico, per me sarebbe molto bello conoscere questo lato della città. Se la società volesse fare una chiacchierata con me la farei molto volentieri. Perchè Golfo non ha giocato dal 1′? Non sapevo che minutaggio potessero avere Piccolo e Sarao, quindi ho cercato di tenermi qualche risorsa per la partita in corso. Non so quanta differenza ci sia tra uno che gioca 55 minuti e uno che ne gioca 40. Io ragiono e ragionerò sempre sui 16 giocatori da mettere in campo durante la partita. Poi quando vinci sei bravissimo, se perdi la responsabilità è la mia. Io ho sempre da rimproverarmi qualcosa, sono molto critico su me stesso. Non ho bisogno di perdere una partita per ragionare su cosa posso aver fatto bene o male. L’atteggiamento iniziale della squadra, comunque, mi sembra sia stato positivo. Il migliore da quando sono qui. Ci siamo innervositi ed era un lato della squadra che non conoscevo“.

“Non sono uno che cambia atteggiamento, se oggi mi fossi messo 5-4-1 avrei dato un segnale negativissimo e di paura ai ragazzi. Secondo me il Catania, proprio perchè si chiama così, non deve mai avere paura. La direzione arbitrale? Sorvolerei sull’argomento, ho bisogno di rivedere le immagini, sicuramente il secondo gol sembrava nettamente in fuorigioco. Non mi piacciono gli arbitri che interrompono continuamente il gioco e stanno a parlare con i giocatori. Oggi è stata tutta una chiacchiera, colpa nostra ma anche l’arbitraggio ci ha messo del suo. Si dovrebbe parlare meno e giocare di più. A Foggia in campionato non abbiamo giocato per 50 minuti. Se ci si mettono anche gli arbitri aumenta il tempo effettivo che non si gioca”.

“Dovevo essere più prudente nella prima parte del match? Non avrei messo un difensore in più, non mi sarei messo a cinque. Ripeto, la squadra ha iniziato facendo la partita e se fossimo passati in vantaggio sarebbe stata tutt’altra cosa. Il rimpianto più grande è non continuare a lavorare con questi ragazzi. Li devo salutare, loro hanno dieci mesi di lavoro duro, questa società è stata salvata ad inizio anno, i ragazzi l’hanno portata ai playoff. Avevamo nelle corde la possibilità di fare meglio. Il Catania si merita una grande squadra, sono qui da otto partite e non avevo assolutamente voglia di salutarli”.

VIDEO: le parole di Baldini

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

  1. UMANAMENTE, ma SOLAMENTE UMANAMENTE, mi semra Corretto che “IL CONDOTTIERO” DIFENDA I SUOI “SOLDATI”. PURTROPPO , al di la delle PAROLE di CIRCOSTANZA, IL CONDOTTIERO NON HA DETTO QUELLO CHE , Probabilmente , PENSAVA. oppure. se lo pensava, MI SPIACE PER LUI,HA IDEE SU quello che è UNA Squadra, DIVERSE dalle MIE e, probabilmente, da MOLTI ALTRI AMANTI del GIOCO del CALCIO. INOLTRE. per completare, poteva dire la V E R I T A’ : “QUESTI ERANO I GIOCATORI a MIA DISPOSIZIONE e S T O P ! NON mi pronuncio, in ogni caso sulle, “OBBLIGATE SCELTE” e sui “CORRETTIVI” in corso di GARA (Avevo gia’ detto dei R I N C A Z I I N E S I S T E N T I) FORZA LIOTRU SEMPRI,

Comments are closed.