CATANIA: iscrizione e ambizioni, Sigi al lavoro. Tifosi in piazza per il presente e futuro

1
2686

L’avvocato Giovanni Ferraù ha dato chiare e nette rassicurazioni in merito alla iscrizione della squadra al prossimo campionato di Serie C. C’è da fidarsi? Sì, se si considera che in un contesto ancor più delicato lo scorso anno furono mantenute le promesse in relazione all’allestimento di una squadra in grado di disputare un campionato dignitoso. Adesso ci si attende che a parlare siano ancora una volta i fatti, ma con una sostanziale differenza nei contenuti: iscrivere il Catania, vivendo una stagione da protagonisti della scena.

Non basta, infatti, preannunciare la partecipazione rossazzurra al torneo di Lega Pro 2021/22 benchè rappresenti uno sforzo economico di cui tener conto. Anche perchè i debiti pregressi non sono spariti e Catania non è una piazza che può permettersi di vivacchiare nella terze serie del calcio professionistico, per storia e tradizione. Le difficoltà non mancano ed i tifosi sono pronti a scendere in piazza, a protezione e tutela della matricola 11700, ma anche nella consapevolezza della necessità di garantire un domani importante ai colori rossazzurri.

No al fallimento, dunque. Sì ad un Catania iscritto al campionato per disputare una stagione ad alti livelli, con un piano industriale ben definito ed un futuro privo d’incognite. Questo chiedono a gran voce i tifosi. La strada, tuttavia, non è in discesa. Perchè, malgrado il monte debiti sia stato ridotto sensibilmente – riconoscendo la bontà del lavoro svolto da Sigi in questo senso – il Catania ha bisogno di forze nuove. Servono ulteriori capitali da immettere, non possono bastare i sacrifici degli attuali soci e di Nicolosi in particolare, azionista di maggioranza. Le interlocuzioni proseguono ma le parole da sole non sono sufficienti. Questa settimana dovrebbero arrivare le prime risposte, altre nei giorni successivi, quando si avvicinerà la scadenza del termine per l’iscrizione al campionato. Non c’è più tempo da perdere per la sopravvivenza ed il rilancio del Calcio Catania.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

  1. Se SIGI non può garantire una società solida con progetti consoni alle aspettative di una tifoseria da area metropolitana come Catania, fallisca pure e ricominci dal calcio dilettantistico con altro logo e denominazione,escludendo ovviamente il nome della città,per ovvi motivi di dignità.

Comments are closed.