PAGELLE DI REPARTO: difesa attenta, centrocampo dinamico, in avanti Sipos e Ceccarelli fanno la differenza

0
1191

Dopo la batosta del “Veneziani” il Catania rialza la cresta sconfiggendo 2-0 la Fidelis Andria. Ottima la prova dei padroni di casa che, all’esordio dinanzi al proprio pubblico, non tradiscono le attese e disputano un match gagliardo, intraprendente e molto ordinato, merito di mister Baldini che in settimana è riuscito a toccare le corde giuste, mentalizzando gli atleti rossazzurri.

Di seguito le consuete pagelle di reparto:

Difesa 6,5: nonostante la qualità degli ospiti (specialmente dalla cintola in su) il duo Ercolani-Monteagudo si destreggia abbastanza bene su tutto il fronte difensivo, dimostrando grande precisione e puntualità sia nei contrasti che negli anticipi. Persiste ancora qualche amnesia in marcatura, ma la strada intrapresa è quella giusta. Sufficiente la prova dei due terzini Pinto e Calapai. L’ex Monopoli, non ancora al top della condizione, si dimostra molto concentrato e disciplinato. Il capitano etneo invece, dopo un primo tempo di sofferenza (nel quale subisce la veemenza di Casoli) esce alla distanza, duettando alla perfezione prima con Ceccarelli e poi con Russini. Da segnalare anche la prova di Stancampiano che, pur non esibendosi in interventi prodigiosi, si rivela preciso ed efficace sia con i piedi che con le mani.

Centrocampo 6: il migliore del reparto mediano è Rosaia. L’ex Cesena offre la solita prova di sostanza e quantità, non tirando mai indietro la gamba. In cabina di regia delude ancora una volta Maldonado che non riesce a prendere per mano la squadra, rivelandosi però un tassello prezioso in fase di interdizione. Provenzano si fa notare per qualche inserimento ed una conclusione ad inizio ripresa. Molto più incisivo è stato Kevin Biondi che, dal suo ingresso in campo, ha spaziato su tutto il fronte centrale duettando continuamente con gli esterni offensivi. Il canterano rossazzurro inoltre sfiora il tris a metà ripresa con un tiro a botta sicura deviato in angolo dal difensore avversario. Greco ed Izco entrano a 10′ dal termine dimostrando tanta garra e voglia.

Attacco 7: tra i migliori in campo in assoluto per qualità e giocate spicca senza alcun dubbio Tommaso Ceccarelli. L’ex Feralpisalò si rivela una vena spina nel fianco per la difesa pugliese, dando sfoggio di tutta la propria tecnica e personalità e servendo con un lancio illuminante l’attaccante croato Leon Sipos per il momentaneo 1-0. L’altro grande protagonista dell’incontro è proprio quest’ultimo. Il centravanti classe ‘00 si dimostra glaciale davanti a Dini sfruttando alla perfezione le disattenzioni della retroguardia biancazzurra. Dal doppio volto la prova di Russotto. Il numero 7 si rivela un po’ troppo nervoso (beccandosi un giallo per proteste) offrendo però tanto spettacolo con le sue giocate. Molto positivo pure l’impatto di Russini e Moro. L’esterno napoletano si dimostra in grande condizione, prendendo il posto di Ceccarelli sulla fascia destra e creando continuamente la superiorità numerica nella propria zona di competenza. La punta di proprietà del Padova debutta a gara in corso, evidenziando tanta corsa e potenzialità interessanti.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***