VERSO BARI-CATANIA: quando i galletti subirono l’onta del duplice fallimento

0
143
Stadio Bari

Così come capitato al Catania lo scorso 21 Dicembre, anche il Bari, prossimo avversario degli etnei, ha subito l’onta del fallimento. Il 10 Marzo 2014 l’A.S. Bari, con un monte debitorio di circa 30 milioni di euro, fu dichiarato fallito dallo stesso tribunale pugliese. Nel tentativo di salvare la categoria e la memoria storica, fu concesso l’esercizio provvisorio culminato, il successivo 23 Maggio, con l’acquisizione del ramo d’azienda calcistico da parte di una cordata imprenditoriale capeggiata dall’ex arbitro Gianluca Paparesta. Il Football Club Bari 1908 riuscì a mantenere la Serie B per altri quattro anni prima di perderla definitivamente il 16 Luglio 2018 quando, a seguito della mancata ricapitalizzazione societaria, venne esclusa dalla cadetteria. Il club che rilevò il titolo sportivo nel 2014 scomparve definitivamente qualche mese più tardi (il 15 Gennaio 2019), così il primo cittadino barese affidò, l’1 Agosto 2018, le chiavi del nuovo sodalizio calcistico alla Filmauro S.r.l. capeggiata da Luigi De Laurentis (figlio del presidente del Napoli) che divenne il nuovo presidente.

L’ S.S.C. Bari, ripartito direttamente dai dilettanti grazie all’articolo 52 delle norme N.O.I.F., fece un pronto ritorno tra i professionisti vincendo il Girone I della Serie D ’18/19. Il resto è storia recente con i successivi due campionati di terza serie che videro i galletti concludere la regular season rispettivamente con un 2° e 4° posto e successivamente perdere gli spareggi playoff contro Reggiana (nella finalissima ’19/20) e Feralpisalò (nel primo turno nazionale). Dopo le ultime delusioni, da quest’anno le chiavi del sodalizio biancorosso sono state affidate alle cure del DS Polito (ex portiere rossazzurro) che ha costruito una squadra in grado di occupare stabilmente il primo posto in classifica conquistando 44 punti in 20 giornate (media di 2,2 p.p) e mantenendo attualmente un distacco di sette lunghezze sul Monopoli e nove sull’Avellino. La speranza è che anche il Catania possa, nell’immediato futuro, trovare un gruppo imprenditoriale forte che possa rilanciare le ambizioni dei rossazzurri riportando l’Elefante nel calcio che conta.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***