VIAGGIO NELLA STORIA DEL CATANIA: 1952/53, per l’Elefante finale thrilling che lascia l’amaro in bocca

0
225
foto Mimmo Rapisarda

Il cuore del Calcio Catania ha smesso di battere ma non si potranno mai cancellare i ricordi. Attraverso questa rubrica intendiamo effettuare proprio un viaggio nella storia del Catania. Una storia fatta di gioie, dolori, emozioni, momenti delicati e di grande entusiasmo.

In questi giorni abbiamo parlato dell’inizio di una storia rossazzurra, quando il Catania assunse la denominazione di Società Sportiva Catania prima, di Associazione Fascista Calcio Catania dopo, fino ad arrivare alla nascita del Club Calcio Catania. Andiamo avanti con il ventesimo appuntamento della nostra rubrica, giungendo all’annata 1952-53 (Serie B).

La stagione è un romanzo con un finale thrilling che lascia l’amaro in bocca. Il Presidente Michisanti è ambizioso e vuole la Serie A, che Catania fino ad oggi ha solo sognato. L’inizio è altalenante, poi sul finire del girone di andata si comincia a risalire la classifica con due successi su Siracusa e Fanfulla, si mette fine a quattro sconfitte esterne con il pareggio a Cagliari contro la capolista. Nel finale di campionato il Genoa piazza lo scatto decisivo che lo porta alla promozione, per il secondo posto la rimonta del Catania sul Legnano si materializza alla penultima giornata nella partita di Padova, persa sul campo (1-0), ma vinta a tavolino per le intemperanze del pubblico patavino: dopo una rete annullata al Padova, vengono lanciati in campo oggetti, uno di questi colpisce il guardalinee Zecca, che è costretto a lasciare il campo.

Tre giorni dopo la partita il 27 maggio 1953 arriva la vittoria catanese a tavolino, il Catania raggiunge quota 39 punti con il Legnano all’ultima giornata, che entrambe vinceranno. Lo spareggio è fissato per il 14 giugno a L’Aquila, ma alla vigilia dell’incontro il ricorso del Padova scombina ogni programma. In attesa del verdetto d’appello lo spareggio è rinviato. Il 10 luglio arriva il verdetto definitivo che dà la vittoria al Catania e ripropone lo spareggio, da disputarsi a Firenze il 28 luglio, a distanza di quasi due mesi dalla fine del campionato cadetto. Finirà (4-1) per i lombardi, i duemila catanesi saliti in Toscana vedono sfuggire ancora la massima serie, con un solo rammarico: non poter sapere come sarebbe andata a finire se si fosse disputato a metà giugno, alla fine di un campionato concluso in crescendo (fonte Tutto il Catania minuto per minuto).

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***