CAPIZZI (architetto S.C.S. Costruzioni Edili): “Stadio dovrebbe essere rinnovato prima di Natale 2023”

1
4667

A eseguire i lavori per realizzare il progetto di riqualificazione dello stadio Angelo Massimino sarà l’impresa S.C.S Costruzioni Edili della provincia di Catania, che ha offerto un ribasso del 30,69 %, sulla base d’asta. L’apertura del cantiere, completati gli ultimi adempimenti di legge, secondo quanto assicurato dal Comune è prevista per la fine del mese di ottobre o al massimo nella prima decade di novembre.

Per saperne di più l’architetto Giuseppe Capizzi della S.C.S Costruzioni Edili ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Studio Centrale, nel corso della trasmissione ‘Cataniamente’:

“Il Rup ci ha contattati ed è stato celerissimo. Vogliamo procedere in maniera molto spedita, aspettando i tempi tecnici per effettuare la verifica documentale. Se poi con l’ufficio contratti si riesce a stipulare il contratto, bene, altrimenti abbiamo dato la disponibilità di far partire il cantiere anche senza contratto.

“Logisticamente dobbiamo fare un sopralluogo allo stadio anche con chi ha la necessità di utilizzare gli spazi del campo, facendo insieme un cronoprogramma e decidendo da quale parte iniziare i lavori. Vista la particolarità dell’opera e l’interesse di tutti a renderla nuovamente fruibile faremo in modo di creare meno difficoltà nel più breve tempo possibile”.

“Lavoreremo nel corso del campionato. Capiremo anche attraverso il calendario delle partite quali attività mettere in atto per non essere da intralcio durante le gare. I lavori dureranno un anno, cercheremo di ridurre la tempistica e faremo di tutto per riuscirci, ma questo è il periodo invernale e l’area su cui operare è molto vasta. Rispetteremo comunque l’anno di tempo previsto contrattualmente. Prima di Natale 2023 l’impianto dovrebbe essere rinnovato”. 

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

  1. Neanche in Burundi realizzano interventi di riqualificazione (così definito) di questa tipologia. Sono interventi effimeri, superficiali e non migliorano neanche in minima parte la funzionalità, il comfort e l’estetica. Il Cibali, oggi Massimino, è una struttura obsoleta, con caratteri tipologici tipici degli anni 30. E tale resterà anche dopo questo intervento. Sarebbe da radere al suolo e restituire come spazio spazio a verde attrezzato a un quartiere angusto con pochi spazi fruibili a disposizione. Serve uno stadio nuovo. Dopodiché, se proprio si deve ristrutturare, in questo caso si dovrebbe affidare la progettazione a tecnici competenti e specializzati nel settore. Vedere stadi in Germania, Portogallo, etc. Ma a Catania, progettualità e senso estetico sono alla stregua della fantascienza

Comments are closed.