VITTORIA ALL’ULTIMO RESPIRO: ci pensa Andrea Russotto a sistemare le cose

0
624

>>>Clicca qui per visualizzare il tabellino e le statistiche della partita<<<

Seconda vittoria consecutiva per i rossazzurri, prima tra le mura amiche della stagione 2022/23. Successo meritato ma sofferto, al cospetto di un San Luca che ha dato filo da torcere rimanendo in partita fino a pochi minuti dal 90′, quando il penalty trasformato da Andrea Russotto ha regalato i tre punti alla squadra di mister Ferraro.

Catania subito arrembante, spinto dal grande calore del “Massimino”. Il Catania conquista i primi palloni invitanti, evidenziando gli spunti ottimi di un Chiarella che mette più volte in seria difficoltà la difesa calabrese. Pressa il team di casa che, al 12′, si vede annullato un gol di Rizzo per fuorigioco. Pregevole sia l’assist di De Luca che l’inserimento del centrocampista nella circostanza. L’1-0, comunque, è nell’aria ed arriva qualche minuto più tardi. Esplode di gioia il popolo rossazzurro, accorso numeroso per l’esordio casalingo sotto gli occhi di un entusiasta presidente Pelligra: Chiarella tenta il suggerimento a beneficio di Sarao ma il pallone viene sporcato da un difensore, la sfera finisce sui piedi di Rapisarda che, di sinistro, conclude al volo non lasciando scampo al portiere.

Gli ospiti però non stanno a guardare e reagiscono immediatamente con Bruzzaniti che, sugli sviluppi di un calcio di punizione, impegna Bethers con uno strepitoso intervento. Risponde il Catania con l’incornata di Lorenzini nell’area di rigore giallorossa, Somma e De Luca provano a deviare in rete ma non riescono nell’intento. A 10′ dall’intervallo si fa vedere il neo entrato Rogac il quale, sul corner battuto dal San Luca, colpisce di testa al centro dell’area mandando la palla di poco alta sopra la traversa.

Ad inizio ripresa è sempre Chiarella a schiacciare il piede sull’acceleratore. Proprio un suo cross trova la deviazione di un difensore del San Luca in area ma l’arbitro lascia proseguire. Al minuto 57 Somma non riesce ad anticipare Rogac, che mette in mezzo un pallone delizioso per Bruzzaniti, anticipato in uscita da Bethers, secondo l’arbitro fallosamente. Il penalty, tra le proteste, viene calciato dal capitano Carbone che di destro supera Bethers, malgrado l’estremo difensore rossazzurro avesse intuito l’angolo. Il Catania non ci sta e va all’assalto della porta sanluchese, alla ricerca del nuovo vantaggio.

Al 70′ splendido assist in profondità di Lodi per Chiarella, l’ex Pescara a tu per tu col portiere si fa respingere però la conclusione a botta sicura. Insistono i rossazzurri con il sinistro piazzato di Lodi su cui Antonino si oppone. Aumenta il forcing etneo e al minuto 84 Palermo, subentrato a Lodi, viene spinto in area. Per il direttore di gara non ci sono dubbi: calcio di rigore, ma gli ospiti protestano vivacemente. Andrea Russotto spiazza il portiere per l’esplosione autentica del “Massimino”. Il finale è teso con l’arbitro che estrae un doppio cartellino rosso, rispettivamente nei confronti di Rogac e Vitale. Dopo ben 6′ di recupero arriva il triplice fischio che sancisce la vittoria del Catania per 2-1.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***