IZCO: “Bravi a rimanere uniti. Play Off? Sognare non costa nulla. Stipendi non pagati, aspettiamo”

0
2052

Intervento di Mariano Izco alla trasmissione ‘Unica Night’, su TeleJonica. Squadra rossazzurra determinata a dare tutto nelle prossime partite, provando a centrare i playoff nonostante il clima d’incertezza sul fronte societario. Queste le parole riprese da TuttoCalcioCatania.com:

“Vediamo cosa succederà più avanti, l’importante è che noi stiamo bene e possiamo portare a termine il campionato. Mancini parla di un progetto importante, sta a lui vedere cosa fare. Adesso ritiene giusto far completare la stagione all’attuale gruppo di lavoro, poi penso che inizierà a sistemare il resto occupandosi del futuro del Catania. Noi siamo stati molto bravi a rimanere uniti, tante volte non era facile perchè ogni notizia giungeva sempre tre ore prima delle partite. Però davvero questo gruppo ha dimostrato che possiamo arrivare in fondo togliendoci delle soddisfazioni, non è una frase fatta. Dove vogliamo arrivare? Abbiamo tutte le carte in regola per centrare i playoff. Dipendiamo soltanto da noi stessi. E’ un obiettivo. Perchè non sognare e cercare di arrivare più in alto possibile? Prima pensavamo alla salvezza, ora ai playoff. Una volta raggiunti, il sogno è quello di arrivare in finale, non possiamo negarlo. Un passo alla volta”.   

“La cinquina di Foggia? In questa categoria quando sei subito in svantaggio non è facile riprendere la partita. Il Foggia attraversa anche un periodo di grande forma, hanno approfittato di qualche nostro errore e noi non siamo riusciti a rimanere in gara. Quando perdi 5-1 è una bella batosta anche sotto il profilo del morale. Non era facile rispondere con una vittoria ad Avellino, contro una squadra in cerca dei tre punti per continuare a lottare per i primi posti. Non è stata la migliore prestazione stagionale ma l’atteggiamento ha fatto la differenza, ci voleva più del gioco”.     

“Se ti infortuni spesso, magari smetti. Spolli poteva venire a Catania, ma ha deciso di smettere quando ha riportato dolori al ginocchio. Io invece mi sento bene ancora, non mi faccio male, ho il fuoco dentro e voglio continuare a giocare. Ogni tanto fare 8-9 ore di pullman è dura (ride, nr) però alla fine ci divertiamo. Personalmente non ho mai vissuto una situazione societaria del genere. Era difficile anche spiegare ai giovani cosa stesse accadendo. Ma gli ho trasmesso il significato di questa maglia, che loro comunque hanno capito da soli”.

“Lorenzini e Claiton squalificati? Mancheranno giocatori importanti a Potenza, ma chi sarà chiamato in causa andrà alla grande perchè si allenano tutti bene, il gruppo è unito. Il comunicato di noi calciatori per gli stipendi non pagati? Non è stato un messaggio polemico, era soltanto una nota per aiutarci a capire. Non abbiamo puntato il dito contro nessuno. Ci vuole tempo, bisogna formalizzare il passaggio di proprietà. Sappiamo qualcosa in più rispetto a quanto richiesto, ma dobbiamo aspettare”. 

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***