TRACOLLO ROSSAZZURRO: il Giugliano passa al “Massimino”

0
1500

>>>Clicca qui per visualizzare il tabellino e le statistiche della partita<<<

Buio pesto al “Massimino”. Il Catania incassa una nuova sconfitta, cedendo i tre punti al Giugliano. Crisi profonda per i rossazzurri che rischiano seriamente di finire in zona playout. Rabbia, delusione, amarezza, incredulità per una squadra che non è riuscita a gestire il vantaggio immediato di Cianci. Dopo un primo tempo giocato su buoni ritmi, gli etnei crollano nella ripresa commettendo i soliti orrori difensivi, fatali al cospetto di un avversario che vanta un reparto offensivo di livello per la categoria.

Strada subito in discesa per la squadra di Zeoli, passata in vantaggio appena 1′ dopo il fischio d’inizio: assist di Zammarini, Cianci svetta più in alto di tutti siglando il secondo gol con la maglia del Catania. Gli etnei corrono qualche rischio in un paio di circostanze nel primo tempo. Da menzionare soprattutto l’episodio del 18′, con Furlan che prima respinge la conclusione di Salvemini (lasciato colpevolmente solo dalla difesa), poi la palla rimbalza sul palo ed il portiere blocca la sfera. Spinge il Catania con Di Carmine e Cianci che tra il 27′ e 33′ confezionano due importanti occasioni da gol. Nel primo caso la sfera si perde di poco a lato, nel secondo Russo interviene con un’ottima respinta.

Nel corso della ripresa aumentano i cali di tensione ed i blackout difensivi. Al 48′ pareggia il Giugliano con Salvemini che approfitta di un errato retropassaggio infilandosi tra i due centrali di difesa, poi Furlan completa la frittata facendosi passare il pallone sotto le gambe. I minuti scorrono, al 52′ Di Carmine in contropiede fa tutto da solo, entra in area e conclude nettamente fuori. Poco prima Furlan aveva respinto il tiro di Ciuferri. Ma quando il Giugliano attacca lo fa con un indice di pericolosità elevato, capitalizzando al meglio le occasioni prodotte grazie anche ad una difesa etnea a dir poco imbarazzante.

Al 72′ Ciuferri ribalta il risultato, di testa, ma i padroni di casa hanno un sussulto d’orgoglio riuscendo a pervenire subito sul pari: Bouah, attraverso gli sviluppi di un corner, trova il varco giusto per freddare Russo. Sembra un buon momento per il Catania, ci prova anche Welbeck con un tiro non potentissimo ma preciso, respinto dal portiere. Il Catania però lascia spazi fin troppo invitanti all’attacco gialloblu. Salvemini, ancora lui, è bravo a trovare la deviazione aerea. Nel finale il Catania perde totalmente lucidità concedendo un’altra ghiotta occasione al Giugliano, con Ciuferri che recupera la sfera nell’area piccola avversaria, senza andare al tiro. Tanto nervosismo al triplice fischio dell’insufficiente arbitro Milone, protagonista di alcuni episodi molto contestati dal Catania.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***