L’EDITORIALE – Il Catania soffre ma sa affrontare le difficoltà. Adesso esame Avellino

0
1294
foto Catania FC

Il Catania stacca il pass per i quarti di finale dei playoff Serie C superando nel primo turno della fase nazionale l’Atalanta U23. Match non per deboli di cuore quello di ritorno contro i bergamaschi al Massimino. I nerazzurri la spuntano e pareggiano i conti con l’avversario ma salutano la competizione in virtù del fatto che gli etnei fossero per l’occasione una testa di serie.

Troppa sofferenza, è vero. La squadra di Zeoli ha saputo affrontare le difficoltà senza andare in ko tecnico. In realtà i rossazzurri creano anche i presupposti per chiudere i giochi e vincere ma sprecano. Ecco quello degli sprechi resta un tema caldo, un leit motiv della stagione, che va risolto in virtù della difficoltà crescente degli impegni che seguiranno.

Zeoli ha dimostrato maturità, facendo qualche scelta anche azzardata ma con la convinzione che fosse d’aiuto al gruppo per il raggiungimento dell’obiettivo. In mezzo al campo servirebbe poter dare fiato a chi ha giocato di più ma è risaputo che al momento il reparto soffre una carenza strutturale numerica dal punto di vista delle disponibilità.

Capitolo positivo in tal senso il rientro di Tello che ha dimostrato ancora d’aver buone qualità a cui dovrà abbinare una mentalità vincente che può aiutare il gruppo nei momenti critici. E poi c’è Furlan. Stratosferico, eccezionale. Parate tecnicamente spettacolari e complicatissime. Un voto in pagella alto, con pieno merito.

E il sorteggio? Bisogna restare dell’idea che bisogna avere anche un pizzico di fortuna. L’Avellino è dato tra le squadre più competitive per il salto di categoria. Però, è risaputo, il Catania in queste circostanze può e sa esaltarsi. Chi vivrà vedrà.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***