VERSO I PLAYOFF: quando nel 2018 e 2019 il Catania sfiorò l’approdo in finale

0
626

“Nessuno mi toglie dalla testa che se avessimo centrato quella promozione in Serie B, fermata solo dal rigore sbagliato o da una quella traversa, forse le cose si sarebbero sistemate. Il mio rimpianto più grande è la gara contro il Siena. Noi dovevamo vincere prima quel campionato, non arrivare ai play off”. Così parlava due anni fa l’ex centrocampista Francesco Lodi, oggi nella struttura dirigenziale del Catania, ricordando amaramente la semifinale playoff persa dopo i calci di rigore al “Massimino” col Siena.

Era il 10 giugno 2018, se i rossazzurri fossero approdati in finale avrebbero incontrato il Cosenza, squadra che poi si aggiudicò i playoff col Pescara. Il Catania terminò il campionato al secondo posto, alle spalle del Lecce, dopo un lungo duello con i salentini. Sedeva sulla panchina del Catania Lucarelli. L’Elefante, sconfitto di misura dal Siena all’andata, reagì anche al momentaneo 0-1 di Santini con le reti di Curiale e Lodi (su rigore).

E’ ancora vivo il ricordo di quella traversa centrata su punizione da Lodi nel corso dei tempi supplementari che avrebbe potuto cambiare la storia. Nella lotteria dei rigori sbagliarono tra le fila etnee Blondett e Mazzarani. Decisivo proprio l’errore di quest’ultimo. “La delusione più grande della mia carriera – l’ha definita Mazzarani -. Mi sono sentito colpevole di aver distrutto il sogno di una città che oggi sarebbe sicuramente più in alto. Il dolore fu così forte che decisi di andare via, salvo tornare poi due anni dopo per l’amore della gente”.

In seguito il Catania partecipò ai playoff per la B l’anno successivo con Andrea Sottil in panchina, venendo eliminato ancora una volta in semifinale, stavolta dal Trapani, dopo due pareggi in virtù del miglior piazzamento degli avversari in campionato. All’andata si ricorda un 2-2 scoppiettante, con Tulli e Ferretti che portarono avanti i granata ma una doppietta di Lodi (gol dell’1-2 da distanza siderale) tenne a galla il Catania. Nel match di ritorno, Curiale rispose a Taugourdeau con i rossazzurri costretti a giocare in otto uomini per le espulsioni di Esposito, Biagianti e Calapai. Il Trapani di Vincenzo Italiano, poi, si aggiudicò la finale piegando la resistenza del Piacenza. Tra il 2018 e 2019 furono le ultime volte che il Catania andò vicino all’approdo in finale playoff.

VIDEO: Catania, il 2-2 contro il Trapani

VIDEO: Catania-Siena, tifo in Curva Nord

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***