CATANIA: formazioni. Da Calapai a Welbeck, com’è cambiata la squadra contro la Virtus Francavilla

0
415

Sempre più deciso ad andare avanti con il 4-3-3, mister Camplone effettua qualche variazione contro la Virtus Francavilla rispetto alla vittoriosa trasferta di Avellino. E’ andata bene anche all’esordio casalingo in campionato. Ma vediamo come, nel corso della gara, sono cambiati gli interpreti sfruttando la preziosa arma dei cinque cambi a disposizione:

COSI’ DAL PRIMO MINUTO…

Due differenti mosse a confronto con la gara di Avellino, dicevamo. Calapai rientra dalla squalifica disputando la sua prima gara di questo campionato al posto di Biondi. A centrocampo, invece, si registra la presenza di Welbeck preferito a Llama per limitare il più possibile i pericolosi inserimenti di Gigliotti.

MINUTO 63

Prima sostituzione effettuata da Camplone. Fuori Di Molfetta, dentro Mazzarani. L’ex giocatore del Piacenza autore di una buona prestazione ma non ne ha più e deve necessariamente ricaricare le pile. Per cui il Catania si gioca la carta Mazzarani che, al momento, sembra essere la prima alternativa a Di Molfetta ma può anche ricoprire il ruolo di mezzala ed in qualche rara circostanza è stato impiegato pure da playmaker in ritiro. 

MINUTO 74

Doppio cambio. Il terzino sinistro Pinto è stremato dopo avere speso tante energie, inoltre accusa qualche problemino fisico. Viene sostituito da Marchese, pronto a trasmettere serenità ed esperienza al reparto arretrato. Esce anche Dall’Oglio (prova di sostanza la sua) in favore del dinamismo di Llama, in un momento del match in cui la Virtus è costretta a scoprirsi alla ricerca del pari. Welbeck, che ha appena sfiorato il gol con una grande giocata, si sposta sul centro-destra.

MINUTO 85

Ultimi due cambi a disposizione di Camplone. Forse fresche per i rossazzurri: Davis Curiale ed Emanuele Catania. Il primo fa rifiatare un generoso ma impreciso Matteo Di Piazza, il secondo sostituisce uno dei principali protagonisti dell’incontro: Vincenzo Sarno. Il buon Lele fa in tempo a creare presupposti di pericolo nell’area di rigore avversaria. Pochi istanti prima del triplice fischio, effettua un ottimo spunto concludendo sull’esterno della rete.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***