PEPPE DI STEFANO: “Catania, oggi c’è una nave da condurre in porto ma si stanno tracciando le basi per il futuro”

0
3049

Il giornalista catanese di Sky Sport Peppe Di Stefano è intervenuto nel corso della trasmissione ‘Big Chance’, a cura di Chancebet News:

“Sono stati commessi tanti errori, più di quelli che si aspettavano gli stessi dirigenti ma io non vedo arroganza o malizia, semmai errori di percorso che sono stati addirittura doppiati. Bisogna crescere dagli errori, speriamo che la vittoria contro il Messina sia stata davvero la giornata della svolta e che si chiuda nel migliore dei modi un campionato assurdo, magari in maniera leggendaria. So già che stanno tracciando le basi per il futuro. E verranno fatte scelte importanti, assunte sul piano tecnico e comportamentale”.

“Spero che il Direttore Sportivo arrivi dopo il campionato. Comunicare oggi le scelte sarebbe anche una mancanza di rispetto per chi sta lottando per una stagione disastrosa o che potrebbe diventare incredibile.   Nel minuto in cui finisce la stagione, parte quella nuova, ma quest’annata può ancora dare qualunque tipo di delusione o soddisfazione. Oggi bisogna condurre la nave in porto e poi sperare che si possa approdare in altra destinazione. Zeoli sta lavorando giorno e notte su questo Catania, per me fanno bene a tenere riservatissima quella che sarà la programmazione per la prossima stagione. Credo che più o meno le nuove figure siano già state identificate. Chiaramente se sei in B o C cambia il mondo, ma io sono convinto che il direttore sportivo non cambierà rispetto alla categoria, magari un giovane di grandi speranze pronto a fare il salto. Credo che 2-3 profili siano sulla lente d’ingrandimento del Catania. In caso di permanenza in terza serie penso che possa arrivare un allenatore con le spalle larghissime, che sappia vincere la C, invece se vai in B puoi anche permetterti di avere un allenatore diverso, comunque non una scommessa. Oggi secondo me ci sono vari piani che sono stati messi in atto”.

Per chiunque venire a Catania è un privilegio perchè trovi un progetto finanziariamente solido e Catania è una città che attrae. Basti pensare anche all’eco mediatica nazionale che ha avuto la vittoria del campionato di Serie D del Catania rispetto al Trapani, malgrado una cavalcata simile. Il nome di Filippo Inzaghi? Secondo me no. Se il Catania resta in C non puoi sbagliare, devi prendere un allenatore che conosca la categoria e l’abbia già vinta di recente, conoscendo soprattutto il girone C. Vanno fatte una serie di valutazioni. La scelta dell’allenatore dipenderà molto dalla categoria secondo me”. 

“Quale futuro per Castellini? Qualora mai il Catania lo cedesse, lo farebbe per una cifra abbastanza alta, avendo un vantaggio economico enorme. E’ uno dei pochi giocatori tuoi e di prospettiva. Sicuramente su di lui ci sono squadre di B, si è affacciato anche qualcuno di A. E’ un ragazzo che ha un bel presente ma potrà avere anche una buona prospettiva, giovane, deve crescere ma è molto applicato, si tratta di un jolly difensivo che può giocare a tre, a quattro, ragazzo molto ordinato anche nella vita fuori dal campo che si è sempre distinto in questi due anni”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***