PAZIENZA (all. Avellino): “Sarebbe folle sottovalutare il Catania, i ragazzi non vedono l’ora di scendere in campo”

0
2322

Vigilia di Catania-Avellino. Parla l’allenatore biancoverde Michele Pazienza, speranzoso che la propria squadra riesca ad accedere al turno successivo dei playoff:

“Entriamo in una fase del torneo dove qualsiasi squada incontri ha sicuramente dei valori molto importanti, avendo passato dei turni contro avversarie toste, difficili. In questo caso conosciamo gli aversari e potrebbe essere un vantaggio così come lo è per loro, la differenza è che la squadra che andremo ad affrontare ha cambiato allenatore e sistema di gioco rispetto a quanto visto durante l’arco del campionato. Abbiamo cercato nella giornata di ieri di preparare al meglio questa gara facendo degli aggiustamenti in base alle loro modifiche. Il Catania con Zeoli ad esempio subisce pochi gol, situazione su cui dobbiamo andare a lavorare in maniera più oculata”.

Dobbiamo essere bravi a mantenere l’attenzione altissima su tutti quei momenti della gara che potrebbero andare a determinare il risultato finale. La migliore condizione si raggiunge giocando le partite vere, con quell’adrenalina, quel pizzico di paura che si vive in una partita di calcio. La squadra è pronta, ha voglia di tornare a giocare, recuperando anche un pò di energie per quei giocatori che hanno spinto per l’intero campionato. L’attesa toglie qualcosa a livello nervoso ed affronteremo un Catania tosto che vale tantissimo per noi, i ragazzi non vedono l’ora di presentarsi in campo e cercare di ottenere il passaggio del turno. Dobbiamo affrontare l’andata al meglio, poi sabato giocheremo davanti alla nostra gente, ma ora il nostro focus deve essere principalmente su questa partita”.

“Sottovalutare l’avversario dopo averlo già battuto in campionato? Assolutamente no, ci giochiamo la possibilità di accedere alle semifinali, sarebbe folle pensare di sottovalutare il Catania. Quello che è successo in campionato va messo da parte, servirà magari per un domani nella storia ma noi dobbiamo vivere nel presente. E nel presente si azzera quanto è stato fatto, attraverso 180 minuti da giocare al massimo delle nostre forze, con l’umiltà giusta, aspetto fondamentale perchè è quello che ci ha contraddistinto in campionato raggiungendo un posizione di classifica importante”.

“Finora le teste di serie hanno sempre avuto la meglio in questi playoff, ma ci sono così tante variabili che non rendono il calcio una scienza esatta. E’ uno dei motivi per cui il calcio è uno degli sport più seguiti, non c’è mai un risultato scontato. Il Catania vanta calciatori con molta esperienza nella gestione dei momenti della gara, cercheremo di metterli in difficoltà. Affronteremo diverse partite all’interno della stessa. Da martedì notte penseremo al match di ritorno”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***