PREMIO CITTA’ DI LENTINI: le motivazioni della consegna a Lo Monaco e Lucarelli

0
226

Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato della consegna del “Premio Sport e Letteratura Città di Lentini” organizzato da Ciro Militti, Adelfio Tocco e Rossano Dolfi con il patrocinio del Comune lentinese. Numerosi uomini di sport, giornalisti e scrittori hanno ricevuto il riconoscimento. Tra questi l’Amministratore Delegato e l’allenatore del Catania, Pietro Lo Monaco e Cristiano Lucarelli. Riportiamo di seguito la motivazione del premio consegnato ad entrambi:

LO MONACO – “Dirigente di provata esperienza, spiccata esperienza professionale, sicuramente uno dei pochi che hanno percorso tutta la trafila calcistica – giocatore, allenatore, osservatore e dirigente – cominciando nelle serie giovanili fino ad arrivare alla massima serie. Tanti gli allenatori ed i giocatori che sono stati lanciati e valorizzati dal dirigente di Torre Annunziata. Il suo nome è legato principalmente al Catania, società che sotto la sua direzione riuscì a tornare in Serie A nel lontano 2006. Il suo nome è anche legato al fenomeno Udinese dove lui, come capo-scouting, insieme al Presidente Pozzo cominciò a costruire un vivaio ed una struttura organizzativa che avrebbe portato il club friulano ai vertici della massima serie”.

LUCARELLI – “Da giocatore è stato uno degli ultimi romantici. Da allenatore ha grandi ambizioni e sta cercando di trasmettere ai suoi calciatori quel carattere che ha sempre messo in campo segnando gol in tutte le categorie. Perchè la gavetta è una caratteristica costante della carriera di Cristiano Lucarelli. L’ha fatta segnando gol in tutte le categorie, la sta facendo adesso da allenatore. Le difficoltà non le ha mai temute, da quando nei dilettanti si trovò ad affrontare il suo Livorno, squadra di cui ha talmente voluto indossare la maglia da rinunciare ad ingaggi milionari dei grandi club. E’ proprio con l’amaranto addosso che ha vissuto la vera e propria seconda giovinezza nel pallone togliendosi grandi soddisfazioni. Da allenatore è ripartito dal basso, con la speranza di poter ripercorrere la brillante carriera avuta da giocatore”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***