ESCLUSIVA – Bellusci: “Catania e Palermo esperienze stupende, Sicilia isola speciale”

0
1126
Giuseppe Bellusci

Lunedì sera i riflettori dello stadio “Renzo Barbera” saranno puntati sul derby Palermo-Catania. In vista di un evento particolarmente atteso in Sicilia che manca da sette anni, la redazione di TuttoCalcioCatania.com ha intervistato il difensore del Monza Giuseppe Bellusci, doppio ex dell’incontro.

Un centinaio di presenze con la maglia del Catania, 56 indossando la casacca del Palermo. Giuseppe, quali ricordi conservi delle due esperienze?
“In entrambi i casi porto con me il ricordo di esperienze stupende, che mi hanno formato come ragazzo a Catania, da uomo e genitore a Palermo. La Sicilia è un’isola speciale, Catania e Palermo sono due città meravigliose”.

Dopo ben cinque stagioni lasciasti Catania. Scelta professionale o si trattò di una decisione societaria?
“Io da Catania non sarei mai voluto andare via. Il quinto anno è stato quello della retrocessione in Serie B, ho avuto visioni differenti con la società ed ho preferito allontanarmi. Anche perché, conoscendomi, se non mi sento apprezzato non riesco a dare il meglio di me stesso”.

Lunedì si giocherà Palermo-Catania, derby sentitissimo in Sicilia che manca dal 2013. Tu ne hai giocato alcuni. Quali di questi ricordi con particolare piacere?
“Li ricordo tutti, allo stesso modo. A prescindere dal risultato acquisito sul campo, ogni derby mi ha lasciato un’emozione indescrivibile e indelebile”. 

Catania e Palermo, tifoserie calde e passionali. Quali differenze sostanziali hai riscontrato?
“Non ci sono particolari differenze. In entrambi i casi parliamo di tifoserie che trasmettono un calore immenso ai propri beniamini. Sono piazze straordinarie con storie importanti, mi auguro con tutto il cuore che stiano ponendo le basi per un rilancio dopo anni difficili. Catania e Palermo non meritano la Lega Pro”. 

Quanto inciderà l’assenza di pubblico sugli spalti nell’economia di un derby così importante?
“Tanto, purtroppo con l’emergenza Covid tutto il calcio ne risente ma ancor di più i propri sostenitori. Il calcio senza tifosi è surreale, speriamo di uscirne al più presto”.

Giuseppe, attualmente militi nel Monza. Dopo la meritata promozione in B, sognare il doppio salto di categoria è lecito per la tua squadra?
“Lavoriamo ogni istante per quello. L’obiettivo è chiaro, dobbiamo lavorare al massimo per cercare di raggiungere la Serie A. Abbiamo tutto per poterlo fare, dai calciatori allo staff tecnico passando per la società”.

Si ringraziano Giuseppe Bellusci ed Enrico Cerruti, Responsabile Comunicazione A.C. Monza S.p.A., per la gentile concessione dell’intervista.

 

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***