CAMPLONE: “Ci serve un filotto di risultati, dobbiamo migliorare. Non siamo riusciti a recuperare gli infortunati. Pretendo sudore e massimo impegno”

0
641

Conferenza stampa di mister Andrea Camplone alla vigilia di Catania-Picerno. Queste le parole più significative del tecnico rossazzurro:

“Dobbiamo recuperare in queste gare casalinghe i punti perduti in trasferta. Con un filotto di risultati rientriamo in corsa. Anche da Terni siamo tornati a mani vuote, ricevendo poche risposte, ma ho visto una squadra un pò più propositiva rispetto alle precedenti gare esterne. Dobbiamo assicurare maggiore determinazione e migliorare l’approccio perchè spesso succede di non riuscire a reggere l’onda d’urto degli avversari. Stiamo raccogliendo poco e la partita di domani sarà difficile contro un avversario che crea e gioca in trasferta. Dovremo stare molto attenti, bisogna dare una svolta ed un peso al campionato. Al ‘Massimino’ non possiamo concedere sconti. Qualche punto in più potevamo raccoglierlo, nel contesto di un campionato equilibrato con un gruppo di squadre posizionate nelle zone alte della classifica”. 

Purtroppo, non siamo riusciti a recuperare nessuno degli infortunati. Un pò avvertiamo anche la mancanza dei cambi in determinati frangenti delle gare. Pure Di Molfetta è out, possono sostituirlo Barisic, che ci può dare qualcosa di più nel ruolo, Rossetti o Distefano. Sono convinto che chi scenderà in campo domenica darà tutto quello che deve dare. Perchè Biondi e non Pinto a Terni? Pinto non attraversava un buon momento, abbiamo bisogno di tutti”.

Fase difensiva? Stiamo lavorando molto su questo aspetto. Siamo in pochi. Mbende è stato gettato nella mischia ma ha fatto un pò di fatica perchè non conosce la lingua. Parliamo di un giocatore di buon livello ma non interpreta ancora al meglio i meccanismi difensivi in certe occasioni. Se non c’è feeling nel reparto arretrato subentrano difficoltà. Noi marchiamo a uomo. Serve maggiore sicurezza ed una migliore lettura di gruppo nelle situazioni, più attenzione”.

Anche il meccanismo in mezzo al campo necessita di essere perfezionato, in particolare fuori casa venendo a mancare equilibrio perchè tutti vanno in avanti e non solo sul lato palla. Abbiamo i giusti interpreti accanto a Lodi. Welbeck ruba palla, Llama è un giocatore di quantità, Dall’Oglio attacca la profondità. Inoltre siamo poco furbi. Se non prendo io la palla, non deve prenderla neanche l’avversario. E’ quello che Mazzone mi diceva sempre. Dobbiamo mettere in pratica un pò più di mestiere. Ogni tanto episodi come il confronto con i tifosi avvenuto in settimana fanno bene. Come ci hanno chiesto, anch’io pretendo che i ragazzi sudino la maglia e giochino con impegno uscendo sempre a testa alta dal campo, a prescindere dal risultato”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***