PAGELLE DI REPARTO: Mazzarani, tecnica e qualità. Dall’Oglio, il compitino non basta. Lodi svogliato, Curiale ok solo per il gol

0
758

Al termine della partita pareggiata dal Catania al cospetto della Casertana, come di consueto attribuiamo i voti ai reparti della formazione rossazzurra.

DIFESA, 5.5

Chiara la dormita difensiva in occasione del gol di Caldore. Per il resto, poche volte la Casertana si è resa pericolosa nell’area di rigore etnea, ma i falchetti avrebbero potuto sfruttare meglio alcune ripartenze per raddoppiare, soprattutto nel primo tempo. Furlan quasi mai chiamato in causa a difesa dei pali, mentre Silvestri è stato il più lucido tra i difensori. Davvero poche le sbavature dell’ex Trapani che, complessivamente, ha fatto buona guardia. Biagianti ok nella fase di avviamento dell’azione, non sempre efficace in marcatura. Fa quel che può il macchinoso Esposito, che deve tenere a bada il guizzante Starita. Sugli esterni, Biondi disputa un buon primo tempo costringendo spesso l’esperto Zito ad arretrare il proprio raggio d’azione. Cala nella ripresa, venendo rimpiazzato da un propositivo Calapai, al rientro dall’infortunio. Nella corsia di sinistra, parte bene il rientrante Pinto che, però, con il passare dei minuti va progressivamente spegnendosi. Troppo timida la spinta del laterale mancino che, peraltro, prende un bel pò di botte nel corso della gara.

CENTROCAMPO, 5.5

Rizzo fa tanta legna a centrocampo. Spesso Dall’Oglio non trova i giusti tempi d’inserimento limitandosi a svolgere il compitino. Da un giocatore così importante, però, il solo compitino non basta. Mazzarani gira un pò a vuoto a centrocampo, ma è uno dei pochi ad assicurare il giusto mix di tecnica e qualità. Proprio dalla battuta di un calcio di punizione potente e preciso nasce il gol dell’1-1 di Curiale. Va meglio giocando in una posizione più avanzata del campo. Nel corso del secondo tempo lo sostituisce Lodi. Dall’esperto centrocampista napoletano ti aspetti che detti i tempi con precisione e continuità, invece non riesce ad avere un impatto positivo commettendo errori anche piuttosto insoliti che favoriscono le ripartenze ospiti. E’ spenta la luce di Lodi, che pare quasi svogliato sul rettangolo verde.

ATTACCO, 5.5

E’ andato ancora una volta a segno Curiale e va bene così perchè, se non altro, pian pianino l’ex punta del Frosinone tende a sbloccarsi. Sul piano della prestazione, però, Lucarelli non è rimasto soddisfatto da Curiale, poche volte presente con pericolosità nell’area di rigore campana. Lele Catania parte col piede schiacciato sull’acceleratore e, talvolta, effettua giocate molto interessanti ma è abbastanza discontinuo e poco cattivo in area. Lucarelli si gioca anche la carta Di Molfetta per garantire maggiore dinamismo ed imprevedibilità alla manovra. L’ex Piacenza, tuttavia, non riesce a dare la scossa e ad incidere come dovrebbe, forse anche a causa delle condizioni del terreno di gioco che non lo favoriscono. Barisic, se non altro, ci mette tanta buona volontà. Lo sloveno corre, sgomita, prova a suonare la carica ma la difesa della Casertana regge fino alla fine.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***