CALCAGNO (vice Pres. AIC): “Serie C, sciopero sempre più una certezza”

0
600
Umberto Calcagno

Confermato lo stato d’agitazione, con il rischio concreto di un sciopero in Serie C per via della tanto discussa riforma sulle liste varata dalla Lega Pro. Umberto Calcagno, vice Presidente dell’Assocalciatori, torna sull’argomento ai microfoni di Radio Cusano Campus:

“Mettere un blocco del genere significa voler far competere chi ha meno mezzi. Chi ha meno mezzi va rispettato, ci mancherebbe, viene meno rispettata la voglia di competere con chi ha la possibilità di investire risorse in maniera sana nel nostro sistema. Avere una lista di 22 non ha nessun senso, non è legata alla valorizzazione dei giocatori. Sono delle storture che fanno parte di un mondo che probabilmente non ha voglia di migliorarsi e che in questo caso sembra voler tornare indietro a dinamiche che appartenevano a qualche campionato fa. Competere ad armi pari vuol dire che ognuno deve poter competere con i mezzi che ha a disposizione. Non capisco perché bisogna costringere alcune piazze che hanno interessi, possibilità e anche un blasone a limitarsi nelle loro ambizioni quando immettono risorse ed elevano il livello qualitativo del campionato”.

“Sciopero? Più passano i giorni e più l’ipotesi sta diventando una certezza. La mancata interlocuzione, il fatto che la scelta della lista a 22 non sia stata concordata, che neanche ci sia stata comunicata prima e dopo un’unica riunione fatta ormai un mese fa non ci sia stata neanche una telefonata la dice lunga sul valore dei rapporti che ci sono oggi e non credo che andando avanti da qui alle prossime settimane ci si possa aspettare qualcosa di differente”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.