CATANIA: da Giosa a Canotto, il punto sul mercato

1
4154
foto calciocatania.it

Si muove il mercato in entrata e uscita del Catania quando siamo giunti alla metà del mese di gennaio. Ceduti Enrico Piovanello (Imolese), Michele Emmausso (Lecco) e Alessandro Gatto (Cavese), il Catania realizzerà altre cessioni nei prossimi giorni. Mario Noce lascerà la Sicilia in prestito (Vis Pesaro tra le società interessate), Bruno Vicente piace a Cavese, Renate e altri club mentre il Fano è sulle tracce di Eros Pellegrini. Antonio Santurro potrebbe interrompere anticipatamente il contratto di prestito (Bologna).

Il Catania ha definito il primo acquisto (Simone Sales dal Monopoli). Ufficializzato anche Andrea Russotto e piace il difensore Antonio Giosa (Monopoli). Sfumato Julian Illanes, che la Fiorentina ha ceduto in prestito all’Avellino dopo la parentesi al Chievo Verona, è fredda la pista che porta a Carlo Pelagatti (Padova). Piace il centrale difensivo Anton Kresic (Atalanta/Padova) ma c’è il nodo ingaggio da risolvere. Idea Raffaele Schiavi (Cosenza). Si è fatto anche il nome del duttile Simone Sini (Ascoli), al momento però non è un’ipotesi calda. Piace il laterale della Reggina Gabriele Rolando, tuttavia la concorrenza è agguerrita. Rumors e niente di più, ad oggi, su Nicola Bellomo (Reggina). Valutazioni relative al centrocampista reggino classe 1999 Andrea Marcucci, che lascerebbe la Calabria solo in prestito. Nuove smentite sull’esterno d’attacco Luigi Canotto (Chievo). Franco Zuculini (Defensor Sporting) aspetta Joe Tacopina. C’è un apprezzamento nei confronti dell’attaccante Luca Pandolfi, ma la Turris spara altissimo. Si trattano i rinnovi di Kevin Biondi, Miguel Martinez, Kalifa Manneh e Nana Welbeck. Qualche richiesta per il giovane Antonio Panebianco. Catania alla finestra, infine, per quanto concerne il caso Gomez. Qualora lasciasse l’Atalanta, infatti, i rossazzurri farebbero cassa vantando una percentuale sulla vendita del cartellino.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

Comments are closed.