ESCLUSIVA – Avv. Ingrassia: “Vogliamo essere parte attiva del nuovo Catania con funzione di controllo e vigilanza”

0
1037

‘CATANIA Rossazzurra’ è una forma ipotizzata di azionariato popolare per quella che sarà la nuova società del Catania Calcio. L’avvocato Enzo Ingrassia, tra i promotori di una iniziativa che lui stesso definisce come “un atto d’amore”, è intervenuto ai microfoni di TuttoCalcioCatania.com:

“Mi sono chiesto dopo il fallimento del Catania, cosa potessi fare per aiutare la piazza rossazzurra in questo momento di difficoltà e l’iniziativa di azionariato popolare che ho messo in piedi con la preziosa collaborazione dei colleghi Scuderi e Trantino e già oggetto di importanti manifestazioni di partecipazione fattiva altro non è che un atto di amore nei confronti della città. Trovo sicuramente dei punti di coincidenza con ciò che accadde nel ’93, scendere in campo in questa circostanza sembrava per noi essere un dovere dopo aver lottato in quegli anni”.

“Voglio essere chiaro: in alcun modo questo comitato, che sarà formalmente costituito soltanto dopo l’eventuale arrivo di un nuovo sodalizio forte, intende rappresentare una soluzione definitiva e unica a ciò di cui Catania necessita, è ovvio che ci vogliano per rilanciare la squadra etnea investitori con un patrimonio importante, cui noi pensiamo di poterci associare in percentuale minoritaria. Il fine di questa proposta che stiamo portando avanti, e che potrebbe essere anche oggetto di osservazione da parte del Comune in vista della pubblicazione del documento per la ricezione delle eventuali manifestazioni di interesse, è quello di dare modo a chi lo vuole, di essere parte attiva del nuovo Catania, operando una sorta di funzione di controllo, di vigilanza e di indirizzo nei confronti della nuova società, che a mio avviso potrebbe trarre molti vantaggi dalla partecipazione della gente catanese all’interno del club. Del resto i settori imprenditoriale e politico a Catania sono mancati quando il loro intervento era necessario, quindi è il momento di puntare sulla gente comune, su chi ama questa città e i colori del Calcio Catania”.

“Ho sentito tante chiacchiere, ma voglio ribadire che noi promotori di questo atto d’amore abbiamo ricevuto tanti messaggi per spingerci ad andare avanti. Si tratta di adesioni spontanee ad un proposito di azionariato popolare già presente in diverse realtà sportive internazionali con risultati più che soddisfacenti. Non so se a Catania andrà bene o meno, ma sono consapevole che il tentativo, anzi i tentativi, andavano fatti. La partecipazione di una compagine sociale interna alla squadra di calcio della propria città è una visione del futuro in cui possiamo cominciare a proiettarci”.

“Il mio augurio è che arrivi una realtà seria che voglia puntare su Catania, sarebbe l’unico modo per poter ancora parlare di calcio alle falde dell’Etna. All’iniziativa hanno già aderito circa 100 persone, ci sono anche Fabio Pagliara e il giudice Santino Mirabella. La nostra speranza è che chi arriverà apra le porte agli appassionati che vogliono attuare un modello di partecipazione attiva al nuovo progetto calcistico rossazzurro: sarebbe un segnale importante e positivo”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***