“Catania, non sarà mai un addio”: le parole di Lodi due anni fa. Adesso, rieccolo in rossazzurro

0
2771

“Dal 2011 al 2019, il centrocampista campano ha collezionato complessivamente 206 presenze e realizzato 50 gol in maglia rossazzurra riuscendo a distinguersi tra gli atleti più importanti nella storia del nostro club e regalando alla tifoseria gioie indimenticabili e prodezze degne di risalto in ambito nazionale. A Francesco Lodi, un sincero ringraziamento e l’augurio delle migliori fortune personali e professionali”.

Era il 9 gennaio 2020 quando il Catania salutava ufficialmente Lodi dopo tante pagine di storia scritte in rossazzurro. Dai tempi di massimo splendore dell’Elefante, in Serie A, al ritorno nella stagione che sancì l’amara retrocessione in B fino ad accettare il trasferimento in terza serie.

Poi, appunto, il saluto strappalacrime del centrocampista via social:

“Tutto così strano, io con un’altra maglia, l’Etna a proteggere me e la mia famiglia. Io senza la mia seconda pelle, quella rossazzurra. E’ stato un gesto d’amore, anni fa, tornare a Catania. Così come gesto d’amore e d’affetto verso questa società è questo addio. Non avrei mai messo in difficoltà il mio Catania. Ed allora vado via. Non ci avevo mai pensato, non era in preventivo. Ero convinto di chiudere la mia carriera a Catania, ma è andata così. Amo Catania, amo il Catania e sarò per sempre rossazzurro. Non farò mai nessuna polemica, perché il mio legame con questa città e questa società sarà e resterà eterno”.

“Grazie a chi mi ha sempre sostenuto, a chi mi ha sostenuto meno, a chi mi ha dato la possibilità di indossare anche una volta quella maglia, a chi mi ha allenato, ai miei compagni, ma soprattutto ai tifosi del Catania, anima di questa città. Ero tornato per contribuire al ritorno nel calcio vero del mio Catania. Non ce l’abbiamo fatta, una traversa e qualche negligenza mi hanno risvegliato dal sogno. Questo sarà per sempre il mio grande rimpianto, ma per il Catania si tifa sempre nella buona e nella cattiva sorte. Non sarà mai un addio perché questa sarà sempre casa mia“.

Sono trascorsi più di due anni da allora, ma il destino ha voluto che le strade di Lodi ed il Catania tornassero ad incrociarsi. Così, ecco il centrocampista indossare ancora una volta la maglia rossazzurra. All’età di 38 anni, in tempo per coronare il sogno di chiudere la carriera alle pendici dell’Etna e dimostrando che quell’addio, in realtà, era solo un arrivederci.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***