ESCLUSIVA – Baiocco: “Catania, c’è la giusta sinergia ed alchimia. Mercato, rinforzi utili soprattutto in funzione della prossima stagione”

0
1536

Davide Baiocco, beniamino indiscusso del popolo etneo, ha analizzato ai microfoni di TuttoCalcioCatania.com il girone d’andata dell’Elefante trattando anche delle inaspettate difficoltà incontrate dai rossazzurri nel corso del torneo.

Davide, il Catania ha chiuso la prima metà di stagione con 13 vittorie, 3 pareggi ed una sconfitta. Uno score niente male…
Nel calcio come nella vita credo che si debba sempre aspirare a fare meglio ed a migliorarsi, tuttavia è anche giusto accontentarsi di ciò che si ha e ciò che si è fatto pertanto, considerando il campionato disputato finora dal Catania, ritengo il bicchiere totalmente pieno. Quello che gli etnei sono riusciti a realizzare non può e non deve assolutamente essere sminuito. Il Catania, almeno sul piano dei risultati, ha dato veramente tanto in questa prima parte di stagione per cui ritengo più che giusto essere lieti per ciò che questa squadra è riuscita a conquistare.”

Nelle ultime settimane il Catania ha incontrato difficoltà. Merito più degli avversari che magari hanno studiato con maggiore attenzione i rossazzurri o demerito più degli etnei che, forti anche del vantaggio in classifica, hanno subìto un calo fisico o mentale?
Non ho visto le partite per cui non posso esprimere giudizi significativi tuttavia, anche solo per il blasone e la forza di questa squadra, ritengo che le partite contro gli etnei si preparino da sole. Non mi sorprende affatto quindi che qualsiasi avversario, quando si trovi dinnanzi al Catania, metta in campo quel quid in più rispetto a tante altre occasioni. Inoltre con il prosieguo del campionato è inevitabile che un po’ tutte le formazioni si studino vicendevolmente cercando di individuare quelli che sono i punti di forza e le debolezze. Più si andrà avanti e più gli avversari dei rossazzurri ne carpiranno i segreti in modo tale da metterli sempre più in difficoltà. Spetterà soltanto al Catania fare altrettanto senza però farsi cogliere impreparato. Poi come sempre le partite si vincono anche grazie agli episodi per cui può darsi che nelle ultime settimane anche la sfortuna, delle disattenzioni o magari degli errori individuali hanno un po’ compromesso il risultato finale ma ripeto, da esterno esprimere un giudizio è molto riduttivo e forse anche un po’ irrispettoso per chi, come l’allenatore, i giocatori e tutto lo staff, lavora duramente ogni giorno. Piuttosto che sulle singole sfide focalizzerei l’attenzione sulla globalità del campionato visto che la squadra, complessivamente, sta andando molto bene avendo accumulato un vantaggio di dieci lunghezze dalle dirette inseguitrici.”

A tal proposito, ti saresti aspettato un girone più equilibrato e combattuto oppure, considerando la rosa messa a disposizione di mister Ferraro, ritenevi inevitabile che la compagine etnea facesse un campionato a sè stante?
Vorrei partite da una breve considerazione dicendo che di scontato non c’è mai niente. Detto questo credo che, con la rosa messa a disposizione del tecnico rossazzurro, fosse auspicabile un andamento del genere. Tutti ad inizio stagione speravano in un cammino così importante però non era affatto semplice riuscire a far esprimere, sin dai primissimi istanti, tutto il potenziale a disposizione di questa rosa. Il Catania ha tante individualità importanti ma non bisogna mai dimenticare che il calcio è uno sport di squadra e di interazione, per cui ciascun componente deve per forza di cose creare la giusta sinergia ed alchimia con i propri compagni altrimenti non si va da nessuna parte. Senza gruppo i nomi contano poco o nulla. Il Catania è stato bravo ad unire ed amalgamare entrambi questi aspetti, con giocatori singolarmente molto importanti ma tutti fortemente uniti, coesi e compatti. Complimenti a chi ha costruito questo organico ed a chi lo sta gestendo.

Tra pochi giorni aprirà i battenti la sessione invernale del calciomercato (professionistico). Tu ritieni che a questa squadra servirebbero ulteriori innesti o magari sarebbe meglio non intaccare gli equilibri creatisi nel corso di questi mesi?
L’organico che è stato allestito la scorsa estate aveva il compito di vincere agevolmente il Girone I della Serie D e devo dire che la squadra sta ampiamente rispettando le attese della vigilia. Per capire se servirebbero o meno eventuali rinforzi dovrei essere all’interno dello staff di mister Ferraro in modo tale da capire cosa voglia effettivamente dalla squadra, quali siano le sue idee di gioco e cosa pretende da ogni singolo giocatore. Per me, per la stampa o per gli stessi tifosi magari un giocatore ha deluso o comunque non ha reso come preventivato ma per il mister, anche in base al lavoro tattico che gli chiede, invece è tutto diametralmente opposto. In ogni caso da esterno ritengo che la rosa etnea sia molto competitiva e completa in ciascun reparto panchina compresa, pertanto credo che se il Catania dovesse intervenire sul mercato lo farebbe non tanto per questa stagione quanto piuttosto in vista della prossima. Se dovessero arrivare dei rinforzi credo che verrano ingaggiati profili utili non solo per questa seconda metà di stagione ma soprattutto per il campionato ‘23/24. In questo modo si darà tempo e modo ai nuovi arrivati di ambientarsi e prendere confidenza sia con l’ambiente che con tutti i propri compagni avendo a disposizione sei mesi di tempo per farsi trovare pronti per la prossima stagione che, verosimilmente, vedrà il Catania nuovamente tra i professionisti.”

Si ringrazia Davide Baiocco per la cortesia, la disponibilità ed il tempo concesso per l’intervista.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***