BIAGIANTI: “Primavera, gruppo di lavoro sano e mentalmente forte. Mi ispiro soprattutto a Mihajlovic”

0
930
foto Catania FC

Intervistato da mondoprimavera.com, l’attuale allenatore della Primavera rossazzurra Marco Biagianti commenta la brillante stagione vissuta in panchina parlando anche dello sviluppo del settore giovanile e degli allenatori a cui si ispira:

Amo stare in campo così come amavo farlo da calciatore, la parte più difficile non è quando sono nel rettangolo verde, perché lì mi sento a mio agio, ma sta nel riuscire a far capire e trasferire alla squadra le tue idee di calcio e la tua mentalità di lavoro. Da calciatore tornavi a casa e riposavi mentre da allenatore hai tante responsabilità verso i ragazzi, a partire dal post allenamento in cui ti confronti con lo staff per capire se la seduta è andata secondo i piani, valuti la gestione dei ragazzi, prepari l’allenamento del giorno dopo, cerchi di capire dove la squadra può migliorare, guardi video degli avversari. Insomma, pensi ai ragazzi 24 ore su 24”.

“Qual è stato il nostro segreto? E’ quello di aver creato un gruppo di lavoro sano, con dei ragazzi speciali che hanno creduto fortemente in me, nel mio staff e nella nostra metodologia di allenamento, che giornalmente hanno affrontato con grande passione, sacrificio e determinazione, per questo devo ringraziarli. Si è creata una mentalità forte che li ha portati a raggiungere un grande risultato di squadra come la vittoria del girone. Un’altra parte fondamentale è la loro crescita individuale, che li porterà ad affrontare nuove esperienze, calcistiche e di vita, con maggior sicurezza”.

Lo sviluppo del settore giovanile spetta alla società e al responsabile Orazio Russo, che stanno svolgendo un grande lavoro considerando che questo è solamente il loro secondo anno. Il settore giovanile di una società di calcio persegue l’obiettivo di sviluppare un percorso che aiuti a consentire ad ogni ragazzo di esprimere i propri talenti e le proprie qualità, non solo nel gioco, ma anche nella vita di tutti i giorni. Gli staff sono composti da persone preparate, fortemente motivate ed in sintonia con la filosofia societaria che, per quanto attiene il settore giovanile, va orientato ad una crescita tecnica, fisica e comportamentale”.

“Di allenatori ne ho avuti tanti: Marino, Giampaolo, Zenga, Montella, Simeone e Maran. Adesso che alleno ho provato a “rubare” dal passato un po’ di insegnamenti che ho avuto da loro, sia per la parte tecnica che di gestione fuori dal campo, perché mi rendo conto di aver avuto grandi allenatori, ma se mi chiedete tra tutti a chi mi ispiro allora dico Sinisa Mihajlović”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***