CICERI (Esclusiva): “Grazie Catania, ricordi indelebili. Con 4-5 vittorie consecutive…”

0
811
Claudio Ciceri
L'ex attaccante rossazzurro Claudio Ciceri.

Ieri, venerdì 15 gennaio, ai microfoni di Radio Studio Italia nel corso della trasmissione “Universo RossoAzzurro”, condotta da Igor Pagano in collaborazione con Donato e Livio Giannotta della redazione di TuttoCalcioCatania.com è intervenuto l’ex attaccante del Catania Claudio Ciceri che ringraziamo per la cortesia e disponibilità.

Indiscussa bandiera etnea, sei uno dei protagonisti dei futuri murales rossoazzurri che verranno realizzati all’interno dello stadio ‘Angelo Massimino’. Cosa ne pensi?
“Sono veramente contento di questa iniziativa e di essere in futuro immortalato in questo murales. Mi fa anche piacere che la lista iniziale sia stata implementata dai nomi di Guido Biondi e Nino Cantone, due uomini meritevoli di essere ricordati”.

Un ricordo della tua avventura che hai vissuto in rossoazzurro negli anni settanta…”
In particolare l’annata 1974/75 fu veramente eccezionale in cui vincemmo il campionato all’ultima domenica a Torre del Greco dopo un susseguirsi di saliscendi. Ricordo che il Bari ci inseguiva distante da noi appena un punto e avevamo timore di perdere una partita perché in tal caso saremmo stati sorpassati. Allora venivano giocate 38 partite e siamo riusciti a concludere con pieno merito quel sofferto campionato in prima posizione. Un ricordo bellissimo fu il ritorno della squadra in mattinata, dopo la partita di Torre del Greco, all’aeroporto di Catania. C’erano più di 10000 persone pronte ad accoglierci e questa fu una cosa davvero da pelle d’oca”.

Il pubblico catanese si è sempre contraddistinto positivamente, muovendosi con un grande seguito nei confronti della squadra, sia per le partite giocate in casa che in trasferta…
“Quello catanese è sempre stato un pubblico meraviglioso e molto affezionato a me e Spagnolo in modo particolare perché abbiamo avuto la fortuna di giocare in anni belli, disputando delle annate positive impreziosite da tanti gol. Questo è senz’altro un motivo per essere ricordato”.

Claudio Ciceri è stato ospite al ‘Massimino’ poco tempo fa, avendo giocato nel 2013 una partita tra vecchie glorie rossoazzurre. Un tuo ricordo di quell’evento…
“Speriamo che ci possano essere ulteriori occasioni. Oltre questo episodio ne ricordo un altro qualche anno prima in cui il sindaco conferì una targa in occasione dell’evento ‘Amare Catania’ di cui ho ricordi bellissimi. Ritorno a Catania sempre volentieri perché qui ho lasciato un ottimo ricordo, oltre che tanti amici con cui sono ancora oggi in contatto”.

Credo che l’iniziativa dei murales sia nata perché ci sono giocatori come te che la squadra rossoazzurra l’hanno avuta sempre nel cuore. Penso non si tratti soltanto di un legame calcistico, ma anche di qualcosa legata intrinsecamente alla città di Catania…
“Certo. E’ stata un’esperienza bellissima in cui ho conosciuto tanti calciatori di altre annate. Tutte persone che, altrimenti, non avrei avuto modo di conoscere. Speriamo che possano essere realizzate altre iniziative come queste, anche se allo stato attuale si tratta di un momento per Catania in cui la testa deve essere rivolta a tornare assolutamente ad affermarsi ai livelli che più le competono”.

Un tuo pensiero sull’attuale Catania che in questo momento si trova in classifica, nonostante i 10 punti di penalizzazione, fuori dalla zona pericolo.
“E’ partito alla grande riuscendo ad azzerare nel giro di poco tempo i punti di penalizzazione. Successivamente ha accusato un calo, alternando un pò di alti e bassi. Però se adesso riuscisse ad infilare 4-5 vittorie consecutive, come è riuscito a fare all’inizio del campionato, sarebbe pronto per inserirsi nella zona playoff. Per me il suo obiettivo è proprio quello di andare ai playoff. Se riuscisse a centrarli direi che per un buon 90% la conquista della promozione in Serie B sarebbe alla portata del Catania. Personalmente glielo auguro con tutto il cuore”.