DJORDJEVIC: lascerà il segno nella storia dei terzini sinistri di valore del Catania?

0
398
Stefan Djordjevic

Da dieci anni a questa parte, la fascia sinistra difensiva del campo è sempre stata ben presidiata a Catania. Nel corso del tempo la formazione rossoazzurra ha conosciuto numerosi interpreti più che validi del ruolo di terzino sinistro. Un posto nel cuore dei tifosi etnei merita certamente il peruviano Juan Manuel Vargas. ‘El Loco’ ha vissuto due annate splendide a Catania, prima di proseguire la carriera alla Fiorentina, al Genoa ed al Betis.

Una vera e propria forza della natura: tanta corsa ed un tiro da fuori micidiale e devastante. Anche Ciro Capuano ha fornito un buon contributo dopo avere concluso l’esperienza palermitana, soprattutto nelle prime stagioni ai piedi dell’Etna. Importante menzione merita anche Giovanni Marchese. Terzino dal cuore siciliano, in occasione della prima fase della carriera ai piedi dell’Etna veniva spesso criticato da parte della tifoseria catanese. Poi, però, il processo di maturazione del ragazzo lo ha portato a crescere esponenzialmente fino a diventare autentico punto fermo nello scacchiere tattico del Catania.

Contribuendo a fare le fortune rossoazzurre con la sua disciplina tattica e realizzando anche qualche gol di pregevolissima fattura. Parentesi negativa per il Catania con l’argentino Fabian Monzon, mai calatosi nella realtà del calcio italiano, prima di ripartire dal discreto Antonio Mazzotta e da Leonardo Nunzella, che non è dispiaciuto nella passata stagione per poi, alla scadenza del prestito, tornare a Lanciano e trasferirsi al Parma.

Quest’anno il Catania punta forte sulla duttilità e le potenzialità del serbo Stefan Djordjevic. Un ragazzo approdato in Sicilia con il pieno d’entusiasmo, avente tanta voglia di ben figurare nel campionato italiano. Dalle prime uscite di precampionato la sensazione è che questo giocatore possa dare tanto alla causa rossoazzurra. Magari lascerà anche lui il segno della storia dei terzini sinistri di valore tra le fila del Catania.