LO MONACO: “Nulla da invidiare a Foggia e Lecce, sul caso Rosina…”

0
599
Pietro Lo Monaco

In sede di presentazione di Valerio Anastasi, David Mbodj e Valerio Nava, l’Amministratore Delegato del Catania Pietro Lo Monaco parla dei tre neo acquisti soffermandosi anche sul livello di competitività del girone C di Lega Pro, del lavoro finora svolto dai rossoazzurri a Torre del Grifo e del caso Rosina:

“Presento tre giocatori che abbiamo fortemente voluto. Mbodj è un calciatore africano ma dal fisico italiano, non ho mai preso un giocatore così (ride, ndr). Rappresenta una scommessa. Mi ha colpito la sua voglia di trovare una strada nel calcio. Ha un passato veramente formativo, che lo ha segnato. E’ stato abbandonato, ha vissuto un’esperienza tremenda. Questa mi auguro abbia dato al ragazzo il carattere, la forza e la personalità per affrontare al meglio la carriera”. 

“Da tempo avevo il piacere di prendere Anastasi. Lui era il Chievo, poi ha girovagato l’Italia. Quando ho pensato a Valerio chiedendo informazioni ad Argurio, a sorpresa ho ricevuto la chiamata del procuratore. Una coincidenza che mi auguro sia di buon auspicio. Viene da qualche annetto un pò disgraziato a causa di problemi fisici. Spero che qui possa riuscire ad esprimere tutte le sue qualità. Nava lo considero invece un giovane vecchio. Ha modi ed atteggiamenti tipici del professionista navigato”.

“Sicuramente il girone C è il più competitivo dei tre. La competitività è aumentata con i ripescaggi di società dal blasone importante. Secondo gli addetti ai lavori le squadre da battere sono Foggia e Lecce, ma c’è anche il Catania che non ha nulla da invidiare rispetto a queste compagini. Noi abbiamo le carte in tavola per essere competitivi. Noi stiamo facendo la squadra che volevamo fare, stiamo mettendo in piedi una rosa forte. Con giocatori tecnici e fisici allo stesso tempo. Mi auguro che riescano ad amalgamarsi e che ognuno di loro possa esprimersi sfruttando appieno le proprie potenzialità”. 

“In questo momento la priorità è provvedere alla polizza assicurativa per la ratificazione dei contratti. Il caso Rosina si complica e non è facile ottenere determinate cose. Il Catania si porta dietro dei contratti pazzeschi, e per fortuna abbiamo snellito molti altri contratti. Chiedere una polizza assicurativa ad una società come il Catania in queste condizioni e reduce da due retrocessioni di fila non è bello. Però abbiamo monetizzato qualche cessione, questo non dovrebbe generare problemi. Fermo restando che il grattacapo è di notevoli dimensioni”.

“Questa squadra non può giocare solo con il 4-3-3. L’allenatore può divertirsi e sbizzarrirsi. La squadra può esprimere più di un sistema di gioco. Le opportunità di giocare ci saranno sicuramente per tutti, il campionato è lungo. Bisognerà lottare domenica dopo domenica. Se dovessimo avere la fortuna di partire benissimo, tutto di guadagnato. I cavalli di razza si vedono sempre all’arrivo. Abbiamo finora sviluppato un ottimo lavoro, senza grandi intoppi. I ragazzi sono a disposizione del tecnico, la preparazione prosegue per il meglio. Ci auguriamo di arrivare nella maniera giusta”.