REGGINA: Cevoli ha ritrovato una rosa competitiva. Difesa affidabile, centrocampo di livello e attacco temibile

0
547
Roberto Cevoli

Ventata di freschezza in casa Reggina dopo il passaggio di consegne a Luca Gallo, patron della M&G holding che ha in mente un progetto ambizioso per la società amaranto, molto attiva sul calciomercato invernale. Da qualche tempo si è registrato un nuovo cambio alla guida tecnica della squadra: dopo il periodo caratterizzato da alti e bassi con Massimo Drago, subentrato a Roberto Cevoli, quest’ultimo è tornato al timone conquistando la piena zona Play Off. Adesso i reggini sognano di proseguire fino in fondo il percorso.

Drago applicava come modulo di base un 4-3-3 o 4-2-3-1, mentre mister Cevoli utilizza più spesso un 3-5-2. A difesa dei pali spicca la presenza di Confente, promettente portiere acquistato per non fare rimpiangere la partenza di Cucchietti, protagonista la scorsa stagione. Nella finestra invernale di mercato la dirigenza gli ha affiancato l’ex Matera Farroni. Perno del reparto arretrato capitan Conson, prelevato dalla Sambenedettese in estate e preferito a Blondett, passato poi alla Casertana. Sabato dovrebbe giocare insieme con il gigante Gasparetto e/o Solini, elemento interessante come altri giovani di prospettiva vedi Redolfi, Procopio, Seminara e Kirwan, quest’ultimo figlio di John James Patrick, ex rugbista ed allenatore di rugby neozelandese, campione del mondo nel 1987 con gli All Blacks e che guidò la Nazionale italiana alla Coppa del Mondo di rugby 2003 e quella giapponese alle edizioni del 2007 e 2011.

Centrocampo di buon livello per la categoria. L’ex Marino, cresciuto nelle giovanili rossazzurre, scalpita contro la squadra della sua città a cui rimane molto legato. La prestanza fisica è il suo pezzo forte. La qualità non gli manca, giocatore completo. Zibert cerca riscatto dopo alcune esperienze un pò così. Centrocampista tecnico che, se torna ai massimi livelli, è in grado di fare la differenza in questa categoria. E’ stato, peraltro, vicino al Catania in passato nell’ambito di un’operazione legata a Di Grazia, ma poi l’affare saltò e Zibert ripartì dalla Juve Stabia. Franchini è un altro ragazzo tecnicamente valido, il 32enne De Falco aggiunge qualità ed esperienza mentre Salandria è un giocatore ben noto al D.S. del Catania Christian Argurio per averlo portato all’Akragas qualche anno fa.

Nel reparto offensivo attenzione ai guizzanti ed estrosi Sandomenico, Tulissi, Viola e Tassi a cui si sono aggiunti, a gennaio, autentici pezzi di novanta. Rispondono ai nomi di Bellomo, profilo duttile di categoria superiore dotato di un ottimo piede e fantasia che rappresenta la ciliegina sulla torta del mercato di gennaio, Strambelli che ben conosce la C ed è elemento non poco insidioso per velocità e tecnica, oltre al rapido ex Lecce Doumbia. Promette bene il classe ’96 Martiniello. C’è, inoltre, lo spauracchio Baclet per il Catania: l’attaccante ha rifilato quattro gol ai rossazzurri su 6 partite giocate contro.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***