LUCARELLI: “Vittoria importantissima. Giovedì credo nell’impresa, spero con i tifosi al nostro fianco”

0
3091

Mister Cristiano Lucarelli analizza in sala stampa la prestazione offerta dal “suo” Catania contro la Cavese sul campo neutro di Castellammare di Stabia:

“L’intervento di Campilongo alla vigilia mi è servito per caricare i ragazzi. Noi venivamo da due sconfitte di fila in campionato, incontravamo una delle squadre più in forma. O bere o affogare, questo ho detto oggi ai ragazzi. Abbiamo preparato una settimana importante fatta anche di allenamenti propedeutici a questa gara. Devo dire che alla fine il risultato ci ha dato ragione, peraltro in un ambiente caldo, ottenendo una vittoria storica, la prima esterna con la Cavese. Ci siamo messi sul loro stesso piano, giocando a ritmi alti ed accettando il quattro contro quattro. Ottimo primo tempo, le occasioni pericolose sono state tutte nostre, poi abbiamo legittimato con il vantaggio la buona prestazione. Nella ripresa, immaginando che loro ricercassero le spizzate di Germinale e l’inserimento degli altri tre attaccanti, complice l’infortunio di Curcio, dopo essere passati in vantaggio abbiamo deciso di collocare un centrale difensivo in più per assorbire gli inserimenti e presidiare meglio il gioco aereo. Cambiando modulo abbiamo abbassato i ritmi di una Cavese più prevedibile. Noi purtroppo abbiamo gestito male alcune situazioni di ripartenza ma nel complesso la squadra mi è piaciuta perchè anche oggi ha fatto una partita da Serie C girone C. Se questo lo avessimo capito qualche anno prima, probabilmente oggi il Catania non sarebbe in questa categoria. Con tutto il rispetto per la categoria”.

“Il calcio è fatto per il 90% di episodi. Puoi essere perfetto sul piano tattico, poi ti capita un corner, una punizione da 30 metri e te la indirizzano all’incrocio dei pali mettendo in discussione la preparazione della gara. Le partite sono tutte così. Io dico sempre ai miei giocatori che, nell’arco di 38 partite, ce ne sono 3-4 giocate veramente bene dove domini l’avversario e le vinci anche con un buon margine. Poi ce ne sono 3-4 in cui non ti presenti nemmeno allo stadio e non indovini nulla, e 30 battaglie come oggi, oppure a Viterbo perdendo su episodi, o con l’Avellino vincendo su episodi. In questo girone fa la differenza rimanere in partita mentalmente più che tecnicamente nell’arco di 95 minuti. Se vai nel girone A è un altro raggruppamento, con altre caratteristiche, situazioni ambientali e di campo diverse. Oggi il terreno di gioco era bello, le squadre hanno fraseggiato ma non è semplice trovare campi così nel girone C. Il B è differente ancora. Se tieni botta fino alla fine, corri e mordi come l’avversario ed hai i calciatori in rosa che trovano la giocata hai più possibilità di vincere ma io calcio champagne in questo girone non ne ho mai visto”.

“La nostra storia la conoscete. Questi tre punti sono importantissimi in chiave salvezza. Abbiamo dovuto cedere quei giocatori che davano qualcosina in più dal punto di vista tecnico ma costavano anche troppo per la situazione attuale, allora abbiamo scelto elementi di categoria, conoscenti della C e devo dire che questi ragazzi stanno dando le risposte che ci aspettavamo. Il match di domenica col Monopoli non fa testo perchè abbiamo giocato in una situazione particolare e venivamo da tante partite ravvicinate che ci hanno tolto un pò di brillantezza. Domenica abbiamo pagato questo e alcune situazioni ambientali. Mi auguro che la gente torni allo stadio perchè questi ragazzi stanno dando il massimo di quello che possono dare in questa situazione. Credo che i tifosi lo abbiano capito. Ultimamente vedo un pò più di solidarietà, io mi auguro che giovedì ci accompagnino in un’impresa che proveremo a centrare. Non è facile ma possibile, io ci credo. Speriamo di avere i tifosi al nostro fianco. Incontreremo la Ternana giovedì, la Reggina 48 ore dopo in casa, poi di nuovo la Ternana tra le mura amiche. Tre gare veramente tosate. Se ci fossero i tifosi al nostro fianco la fatica la sentiremmo un pò meno”.

“Noi dobbiamo guardarci dietro come aveva detto anche Campilongo alla vigilia e lo stiamo facendo. Riuscire ad arrivare in finale di Coppa cambierebbe la stagione, però ripeto non sarà semplice ma penso che con lo spirito di oggi il 2-0 dell’andata sia ribaltabile. La storia del calcio racconta di tante gare ribaltate. La Ternana è squadra forte che punta a vincere il torneo ma noi con tutte le nostre difficoltà vogliamo giocarcela. Curcio? Ha avuto un leggero risentimento muscolare e veniva da una nottata passata con la febbre. Non era il suo weekend speciale questo. Welbeck ha avuto una bella gatta da pelare e siamo contenti di avere risolto la situazione”.  

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.